Utente 218XXX
Gentile Dottore,
ho 40 anni,in cura da anni con antidepressivi(elopram-1 pastiglia e mezza da 20mg al di')e tranquillanti(tienor da 10 mg-3 al di'-Inderal 2 pastiglie al di' da 40 mg per tachicardia su base ansiosa,che io prendo anche se non avverto il disturbo solo per la paura che mi venga).Circa 4 anni fa',di punto in bianco,ho avvertito una strana sensazione di dispnea;Mi spiego come posso,perche' comunque la sensazione e' strettamente soggetiva ed e' quindi difficile spiegarla,non trattandosi di un dolore fisico.Avvertivo la sensazione di non respirare bene,sentendomi a livello di pancia e torace i muscoli tesi e poco espandibili.La cosa strana e' che la situazione migliorava se indossavo una cintura stretta in vita!Questa sensazione comunque si presentava solo se mi trovavo in piedi,seduta o sdraiata non avvertivo nulla e potevo stare benissimo anche senza avere una cinta in vita..Ho passato quindi 2 anni ad uscire di casa sempre con una cinta sotto gli indumenti.Da un giorno all altro questo sintomo e' scomparso,senza fare cure specifiche ne' esami.Circa 1 mese fa' e' nuovamente ricomparso(sottolineo che a gennaio e' mancato mio papa' per polmonite e la mia depressione e ansia sono nuovamente aumentate).Ogni anno eseguo un ecocardiogramma.A settembre l'esito e' stato:ventricolo sinistro non ingrandito con normale funzione.Atrio sx lievemente ingrandito.Lieve fibrosi dei lembi mitralici con modesta i.m.
Ora mi chiedo se possa essere questa la causa del mio malessere che mi sta rovinando la vita in quanto il pensiero e' sempre rivolto al mio ascultarmi il respiro.Che esami dovrei fare per tranquillizarmi?Emogas?prova da sforzo?L'origine puo' essere cardiaca,polmonare o cos altro?
La ringrazio per la risposta che mi dara' e La saluto cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La cosa più probabile è che la sua dispnea sia causata dal sovrappeso, almeno stando ai dati che lei ha inserito.
Ovviamente è anche evidente una notevole quota ansiosa.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dottore,
innanzitutto grazie per avermi risposto cosi' presto.Debbo pero' dirLe che questo strano sintomo mi si era presentato,come scritto nella mail,anche in passato,quando il mio peso era notevolmente inferiore(sui 60 kg)....
Sono sempre stata in sovrappeso,anche piu' di quanto lo sia ora ma non mi si sono mai presentati problemi di dispnea o altro..
Mi puo' indicare gentilmente degli accertamenti medici per escludere malattie cardiache o polmonari?
La ringrazio e Le auguro una buona giornata
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei puo' eseguire una spirometria ed un ecocolordoppler cardiaco per escludere altre patologie a parte il sovrappeso
Cordialmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dottore,
ho eseguito il 1 settembre un ecolordoppler cardiaco.DI SEGUITO IL RISULTATO:
radice aortica:28 mm
atrio sinistro:49 mm-26/m22D
ventricolo sinistro:Setto 10 mm
p.p 8 mm
d.d:57 mm
d.s 25 mm
Vol d: 89 ml
Vol s: 36 ml
E.F. 60%
CONCLUSIONE:
Ventricolo sinistro non ingrandito con normale funzione.Atrio sx lievemente ingrandito.Lieve fibrosi dei lembi mitralici con modesta insufficienza mitralica

Vorrei eseguire un transesofageo(non so se si scrive cosi'...),puo' essere utile?Inoltre l' Emogas?Mi dica Lei..Grazie per le rSue risposte e buona serata.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non vedo alcuna indicazione al transesofageo. Di solito assieme alla spirometria viene eseguita l emogasanalisi arteriosa.
Cordialmente
Cecchini
[#6] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della risposta.Dai dati che Le ho mandato circa l'ultimo ecocolordoppler quindi e' tutto normale o l atrio sx lievemente ingrandito potrebbe essere la causa del mio malessere?
Mi scuso se sono forse un po' troppo insistente ed indisponente ma vivo veramente male con questo sintomo e pensiero ossessivo.A gennaio mi e' mancato papa' per broncopolmonite bilaterale e dopo aver contratto dal suo vicino di letto in rianimazione l'Acinetobacter baumannii e 2 pneumotorace.Avendo gia' avuto nel 97 un lutto importante(il mio 1 marito si e' suicidato)che mi ha portato allo stravolgimento della mia esistenza con anni in giro per studi di psicologi e psichiatra e anni di antidepressivi di ogni tipo(che assumo ancora oggi)quest ultimo lutto mi ha letteralmente messo ko.
Non so' piu' cosa voglia dire alzarmi al mattino e dire:Sto bene.Somatizzo ogni cosa a livello fisico.Come spiegavo gia' 3 anni fa' mi era sorto questo sintomo,durato piu' di 1 anno poi sparito da solo ed ora me lo ritrovo ancora nella mia vita...Sono tanto triste perche' nonostante la cura con antidepressivi ed ansiolitici non si attenua se non appena prendo il tienor ma dopo poche ora ricompare...La cosa buffa da dirsi e' che con la cintura dtretta in vita non lo accuso....Non ne capisco il motivo.Un ultima cosa poi la lascio:Ho i calcoli alla cistefellea,piccoli,minuscoli calcolini ma tanti.Ci potrebbe essere una correlazione tra la dispnea e cio'?Ho dimenticato di dirle che assumo anche Indarel prescrittomi dal cardiologo nel 2003 per crisi di tachicardia dovute sempre e solo alla mia ansia e al forte dimagrimento avuto in quell anno(30 kg in 7 mesi).Ora sebbene non abbia quasi piu' tachicardia,continuo ad assumerle allo scopo di prevenirla...In effetti se non le assumo un pochino la sento..poco poco...A lungo andare potrebbero dare problemi polmonari o insufficienza respiratoria?
Finisco la mai lamentela...La ringrazio e come sempre Le auguro una serena giornata-
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L' atrio sinistro modestamente ingrandito e' da mettere in relazione alla sua superficie corporea e NON ha niente a che vedere con la sua dispnea, che le ripeto e' da mettere in relazione al suo peso.
L 'Inderal non le provoca insufficienza respiratoria. Penso che andrebbe rivista la terapia della depressione che lei sta assumendo. Ne parli con il suo specialista psichiatra.
Cordialmente
cecchini
[#8] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Salve,
lo faro' sicuramente,per intanto continuo ad avere problemi.Ieri erano presenti in modo continuo e forte,oggi meno..Mi rendo conto che peggiorano se esco...Tra l'altro ieri mattina e'venuto il pediatra a casa per visitare mio figlio e mi ha misurato l'ossigenazione(non so' se il termine e' esatto)al dito ed e' risultato 97%.
E' buono o scarso?
Gentilmente ringrazio.