Utente 203XXX
Da circa una settimana mi sono reso conto di avere un rigonfiamento alla base del pene probabilmente in corrispondenza del nervo dorsale.(Almeno così sembra secondo quello che ho potuto leggere su internet).Premetto che il problema si è manifestato dopo un rapporto e che il rigonfiamento in questione (verosimilmente simile ad una cisti) non sembra diminuire velocemente..Non provo dolori acuti ma sento leggermente tirare.Prima di andare da uno specialista vorrei chiedere se il problema in questione può derivare dall'accavallamento del nervo(se può essere quello il motivo del rigonfiamento) oppure è di natura diversa.Secondariamente volevo sapere se è sconsigliato avere rapporti sessuali e se c'è qualcosa che posso fare(oltre andare da un medico ovviamente.)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utentei,il fascio nervoso penieno non ' in alcun modo percepibile al tatto...Credo che si possa trattare di un fenomeno di microtrombosi,favorito dal coito vaginale.Puo' tranquillamente avere rapporti ma e consiglierei di farsi visitare da un esperto andrologo.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Il traumatismo del coito può aver provocato una raccolta sierosa o linfatica nei tessuti molli di rivestimento dell'asta.La raccolta,credo più evidente nello stato flaccido che in erezione,dovrebbe tendere a ridursi e scomparire con il riposo (astinenza dai rapporti) e l' applicazione di medicazione locale.

In ogni caso,per escludere patologie più gravi occorre farsi visitare dal vivo ed eseguire un esame ecografico.

Ci tenga informati.A presto.