Utente 147XXX
Salve, da molti anni (quasi una decina) soffro di una produzione di muco assolutamente eccessiva che mi ha provocato una faringite cronica, su consiglio del medico feci una gastroscopia per vedere se si trattasse di un reflusso,ma tutto ok,allora iniziammo a pensare che si trattasse di qualcosa legato all'umidità, vivendo e lavorando al mare (diversi parti di europa), iniziai a prendere degli antistaminici leggeri che un po' funzionavano, 4 anni fa andai in montagna 1200mt e sebbene ci fosse freddo, l'aria secca mi aveva risolto il problema, ritornando infatti in primavera in sicilia... stesso problema, ma quando l'inverno successivo tornai in montagna.... di nuovo muco e cosi' c'e' sempre un tira e molla. potrei pensare alla salsedine, ma in montagna ho avuto qualche episodio (sporadico), adesso mi ritrovo in sicilia con gli stessi sintomi. i miei sintomi? inizio a sentire produrre in me muco ( bianco trasparente), da qui tosse, faringe infiammata e adesso inizio a sentire nelle orecchie disturbi(2 volta), il muco si produce e mi riempie sino a quando "sono piena" non riesco a respirare, cosi' dopo un blocco resp. vomito il muco e ricopmincio da capo.
ho già fatto i prick test e c'era una leggera allergia alla pianta dell'ulivo e poi credo di avere un leggera intolleranza al latte (non mangio latticini da uando ero piccola).
come posso muovermi? conoscendo il mio medico, cosa posso suggerire?
saluti e grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
l'eccesso di secrezione può essere la conseguenza di uno stato infiammatorio della mucosa, non la causa. Il Suo sembra essere un problema persistente (evidentemente non spiegabile solo con il polline dell'olivo), pertanto le consiglierei una rivalutazione allergologica per chiarire meglio la Sua storia clinica e ripetere i test; poi se qualcosa non fosse chiaro, il collega potrebbe ritenere utile sentire anche il parere di un otorinolaringoiatra.
Saluti,