Utente 169XXX
Salve, circa un mese ho avuto un ingrossamento, un infiammazione delle tonsille, e avevo un dolore nel canale urinario, forse dovuto ad una probabile prostatite. Sono andato dal mio medico che mi ha prescritto degli antibiotici utili per la tonsillite e per la probabile prostatite (Isocef 2 pillole al giorno). Dopo aver preso 2 scatole non avvertivo nessun miglioramento, e sentivo un leggero dolore all'altezza della milza. Sono tornato dal mio medico che mi ha prescritto un antinfiammatorio (Brufen) da prendere per 10 giorni. Nessun miglioramento, e il medico mi ha prescritto delle analisi da fare, VES, emocromo, tampone faringeo, e mono-test. Tutti i valori sono risultati nella norma, e il tampone dice flora non patogena e mono-test negativo. Ora ho un dolore addominale abbastanza fastidioso, oltre al dolore alla milza, e a delle secrezioni di liquido bianco dal pene, forse dovute alla prostatite. Inoltre dormo moltissimo, mi sento stanchissimo anche passando la giornata sul divano. L'anno scorso in questo periodo ho avuto la mononucleosi in una forma abbastanza forte, e avevo quasi gli stessi sintomi (tonsillite, stanchezza e dolore alla milza). Conduco una vita regolare, senza eccessi, alimentazione regolare. Mi sto preoccupando moltissimo, il medico di famiglia non mi sembra che ne capisca moltissimo, cosa potrebbe essere? A che medico dovrei rivolgermi? Grazie per l'attenzione, spero possiate aiutarmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno.
Nell'ambito di un quadro clinico così "nebuloso" potrebbe essere utile assicurarsi definitivamente che si siano risolti i problemi a carico delle alte vie respiratorie e la "prostatite" (cosa da fare, se non con il Suo medico curante, con un infettivologo). In seguito, una volta escluso il sospetto di una patologia organica in atto, sarà eventualmente necessario considerare l'opportunità di una valutazione psichiatrica per sindrome depressiva.
Cordialmente,