Utente 526XXX
Ringraziandovi anticipatamente per la vostra disponibilità vi sottopongo il mio problema.
Ho 30 anni e ho una nuova relazione con la mia partner da 7 mesi e premetto che lei ha perso la sua verginità con me.
Nell'ultimo mese "i miei tempi" sono drasticamente diminuiti e vorrei capirne il motivo. Dopo intensi preliminari in cui lei dopo carezze si struscia sul mio pene per circa mezz'ora, durante l'atto vero e proprio riesco a resistere per non piu di 3-4 minuti in cui lei comunque gradisce un ritmo molto veloce.
Ho consultato il mio medico di base e lui, che mi conosce da una vita
ha semplicemente detto che è un problema legato all'ansia,anche perchè io sono un tipo ansioso,però durante il rapporto sono spontaneo e mi abbandono completamente ai piaceri senza remore.
Con la mia nuova partner mi accade anche una cosa strana: non sono mai stato cosi preso per una donna..per farla breve lei mi eccita in un modo assurdo provo sensazioni fisiche mai provate prima. è forse questa eccitazione cosi forte che mi fa giungere prima all'orgasmo?
Dimenticavo. Non faccio piu attività fisica da 7 mesi causa uno strappo al retto dell'addome e ad una punta d'ernia.
Nell'ultimo mese ho sofferto anche di cistite e tutti questi problemi mi portano ad una infiammazione della regione pelvica.
Inoltre la mia parner gradisce quasi sempre stare sopra di me e si muove nell'unico modo in cui io sento troppo durante la penetrazione ( lo facciao quasi sempre in macchina). di questo ne stiamo parlando e stiamo cercando di conoscerci meglio e affinare l'intesa.
Ho provato a masturbarmi e nn raggiungo prima dei 7-10 minuti l'orgasmo.
Dimenticavo di dirvi che in passato non ho mai avuto nessun problema di tale genere, se problema si puo chiamare.
Secondo voi soffro di eiaculazione precoce oppure devo solo conoscere e comprendere meglio la sfera sessuale con la mia donna per crescere meglio insieme?
Vi ringrazio per il tempo concessomi.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,
a rigore "scientifico" lei non potrebbe considerare precoce una eiaculazione che avviene nei modi e tempi decritti.
Vanno capite però le sue perplessità e desideri.
La nuova relazione , il particolare stato di eccitazione e di piacere potrebbero giustificare la "fretta" ma anche la esistenza di problemi "flogistici" pelvici ( vescica, prostata ??) potrebbe avere un suo ruolo.
Ha fatto bene a parlarne con il suo Medico, che rimane il primo filtro di ogni prestazione sanitaria ma forse l'aiuto di uno specialista potrebbe essere più sicuro.
A Milano non dovrebbe avere problemi a trovarlo.
cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
tutte le tematiche da lei sollevate sono possibili fattori di rischio per scatenare una precocità all'eiaculazione . Comunque, a questo punto, approfitti di questo suo "disturbo" , per conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.
Un cordiale saluto ed auguri per un felice anno nuovo.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#3] dopo  


dal 2008
Gentili dottori, vi ringrazio per le vostre risposte.
Consulterò al piu breve un andrologo di fiducia, pur se il problema negli ultimi rapporti di questi giorni non si è piu ripresentato.
Cordiali saluti e buon anno.