Utente 638XXX
Sono un uomo di 53 anni, donatore di sangue. Durante l'ultima donazione ho eseguito anche l'esame delle urine, prescritto dal medico per l'ipertensione di cui soffro da qualche anno ma che è sotto controllo. Dall'esame sono risultate tracce di Emoglobina nel sangue e rare Emazie nel sedimento, mentre tutti gli altri valori, sia delle urine sia del sangue, sono regolari. Preciso di avere la prostata leggermente ingrossata (ultimo controllo dall'urologo a dicembre 2010) e un calcolo di 3 mm nel calice inferiore sx. del rene che non mi ha mai dato fastidio. Cosa significa tracce di emoglobina nell'urina? Devo preoccuparmi? Cosa è opportuno fare?
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività +44
16 attualità +16
20 socialità +20
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Caro utente le tracce di sangue possono avere diverse cause come prima cosa va eseguita una ecografia Dell apparato urinario il psa ed una visita urologica
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

ripete, errore troppo evidente, sia nel titolo del post che nello stesso post, di avere l'emoglobina nel sangue che è un dato fisiologico e regolare .

Comunque alla fine si capisce che il suo problema si riferisce alle urine!

Detto questo la presenza di tracce di emoglobina ed eritrociti, emazie nelle urine è un dato da valutare attentamnte alla sua età con il suo medico curante e poi a ruota con ul suo urologo.

Potrebbe anche essere un dato di laboratorio non significativo e problematico ma ora bisogna fare una completa rivalutazione urologica con ecografia delle vie uro-seminali (prostata compresa), valutazioni colturali e citologiche ripetute sulle urine, almeno tre campioni in giorni diversi e, se non ancora fatta, una rivalutazione ematochimica del PSA.

Queste sono le valutazioni diagnostiche di primo livello che il suo medico deve ora valutare.

Comunque una calcolosi urinaria ed una prostatopatia già in parte possono giustificare questo dato di laboratorio,

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività +28
12 attualità +12
12 socialità +12
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Il riscontro di emoglobina o tracce di sangue nell'eame urine è frequente. Ciò non vuol dire allarmarsi necessariamente. Suggerisco di bere più acqua e di ripetere l'esame dopo 20-30 gg. In caso di conferma del riscontro cosiglio di eseguire un esame citologico delle urine su 3 campioni per scongiurare problematiche di tipo alterazioni cellulari dell'albero urinario.
[#4] dopo  
Utente 638XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per le risposte. Preciso che le tracce di emoglobina sono nell'urina, che ho già fatto un ecografia dell'apparato urinario a dicembre 2010 (quando è stata rilevata la prostata ingrossata) e che i valori del PSA (Antigene prostatico specifico) erano a maggio pari a (PSA) 1,63 ng/ml.
Saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, ci sembra che sia ben seguito, continui quindi ad ascoltare attentamente tutte le indicazioni che le daranno il suo medico di fiducia ed il suo urologo.

Ancora un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 638XXX

Iscritto dal 2008
Ho rifatto le analisi delle urine dopo aver bevuto abbondantemente per circa 20 giorni. Sono scomparse le tracce di emoglobina e sono assenti anche le emazie. E' necessario andare lo stesso dall'urologo o è meglio ripetere l'esame tra qualche mese?
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Risenta il suo urologo, generalmente l'esame viene ripetuto dopo un mese.