Utente 188XXX
Gentili dottori da circa 2 anni ho scoperto di soffrire di dermatite seborroica al cuoio capelluto. Ero andato dal dermatologo perchè avevo notato un lieve diradamento sulla parte frontale della testa e il medico mi ha detto che (oltre ad una lieve forma di alopecia andorgenetica) soffro di dermatite seborroica. All'inizio i sintomi erano solo prurito (neanche eccessivo) e cuoio capelluto arrossato. In questi due anni le cose sono peggiorate. Ho cambiato ben 3 medici, ho provato valanghe di prodotti e la dermatite è sempre, dico sempre, peggiorata ed oggi mi ritrovo con la testa piena di placche. Tra i prodotti usati fino ad oggi ricordo bettamousse, ketomousse, flogan lousse, shampoo specifico (3 o 4 marche), antistaminici, antimicotici, olio di mandorle e altri prodotti di cui nemmeno ricordo più il nome. Cambiando i medici non sono però cambiate le cure, nel senso che ho notato che la diagnosi e i prodotti (e anche gli stili di vita) consigliati sono sempre gli stessi.QUesto mi ha spinto a pensare che i medici da cui sono stato in cura (Anche mesi, non toccata e fuga) sono sicuramente tutti competenti e che sulla diagnosi non ci sono dubbi. TUttavia mi è venuto il sospetto che tutti i prodotti usati abbiano finito per irritare ancora di più il cuoio capelluto e abbiano aumentato il mio livello di stress (che pare sia una delle cause). A questo punto non so più cosa fare perchè se è vero che bisogna sempre affidarsi ad un medico e seguirne le indicazioni è anhe vero che così facendo sono arrivato al punto dove sono oggi (e ripeto che medici diversi prescrivevano le stesse cure). All'ultimo controllo mi è stato prescritto lo sporanox, l'olio di mandorle e uno shampoo specifico. Vi chiedo un consiglio perchè mi sono stufato di impazzire per niente e non vorrei che fosse l'ennesima mandata di medicine prese per nulla

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
E quindi ci dica la sua proposta alternativa ai medici. Visto che ha già tratto delle conclusioni.