Login | Registrati | Recupera password
0/0

Cardioaspirina a giorni alterni

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011

    Cardioaspirina a giorni alterni

    mia madre di 84 anni da molti anni assume cardioaspirina come prevenzione e di conseguenza anche antiacidi (inibitori della pompa protonica). a distanza di tanto tempo mia madre ha una carenza di ferro dovuta molto probabilmente all'assunzione degli antiacidi per cui vorremmo insieme al medico di base far si che smetta di assumerli. quindi volevo chiedere in tal caso se assumere la cardioaspirina a giorni alterni sia una buona idea oppure è controindicato. ribadisco che mia madre non ha mai avuto problemi coronarici o cardiaci di nessun genere a parte la pressione un po alta che tiene a bada con opportuna terapia e che la cardioaspirina le è stata prescritta solo come prevenzione. grazie per le eventuali risposte



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 822 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2009
    La cardioaspirina aumenta dil rischio di ulcera gastrica, specie negli anziani.
    Il dosaggio consigliato dai piu' e' di 100 mg al di'.
    Ci sono forme farmaceutiche di sali di salicilato, cioe' di aspirina , che di solito somno meglio tollerati dal paziente., benche' in effetti non sia ancora stata valutata la stessa efficacia.
    Ne parli con il suo curante
    Cordialemente
    cecchini
    www.cecchinicuore.org


    Dr. Maurizio Cecchini - Specialista in Cardiologia -Pisa
    Medicina di Emergenza ed Urgenza
    www.cecchinicuore.org

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    la ringrazio per la risposta ma quello che vorrei sapere è se assumere cardioaspirina a giorni alterni sia una cosa indicata o meno e se allo stato delle cose eliminare gli antiacidi possa essere una cosa da evitare oppure consigliabile.



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 822 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2009
    100 mg di aspirina a giorni alterni può essere sufficiente. Per ciò che concerne gli antiacidi non ha senso interromperli a quell eta'.
    Arrivederci.
    Cecchini
    www.cecchinicuore.org


    Dr. Maurizio Cecchini - Specialista in Cardiologia -Pisa
    Medicina di Emergenza ed Urgenza
    www.cecchinicuore.org

  5. #5
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    grazie dottore per la pronta risposta ma volevo farle notare che il motivo per cui ritengo che mia madre dovrebbe interrompere gli antiacidi è perchè in brevissimo tempo lei ha assunto un colore pallido del viso, ha poca energia e dagli esami ematici risulta ematocrito basso e carenza di ferro, da ricerche fatte risulta che gli antiacidi possano in molti casi nelle lunghe terapie comportare un cattivo assorbimento di ferro e altri minerali importanti. essendo consapevole che l'assunzione di cardioaspirina possa provocare scompensi gastrici ed emorragie avevo pensato di eliminare gli antiacidi riducendo in parallelo l'assunzione di aspirina.



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 822 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2009
    lo stesso assorbimento dell aspirina è ostacolato dagli antiacidi. nell anziano è frequente ip malassorbimento del ferro. in tal caso se la sideremia fosse particormente bassa è utle fare un carico per via endovenosa.
    cecchini


    Dr. Maurizio Cecchini - Specialista in Cardiologia -Pisa
    Medicina di Emergenza ed Urgenza
    www.cecchinicuore.org

  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    mi scusi dottore ma ho l'impressione che lei eviti di rispondere alla mia domanda. so benissimo che il vostro codice vi impedisce di prescrivere terapie ma la mia richiesta non è la prescrizione di una terapia ma vorrei solo capire in linea generale se assumere aspirina a giorni alterni in una persona anziana sia controindicato tenendo conto del fatto che la persona non ha mai avuto problemi cardiaci a parte una leggera ipertensione, la mia domanda è posta in virtù del fatto che è stato ritenuto anche dal medico di base che probabilmente gli antiacidi assunti per molto tempo possano aver procurato un cattivo assorbimento di minerali, però assumendo aspirina tutti i giorni sarebbe poco indicato eliminare la protezione per lo stomaco, per cui la domanda era posta tenendo conto di quanto suddetto ma rimanendo in un contesto generalizzato ben sapendo che deve essere visitata da uno specialista, e quindi come comportarsi in attesa (fra 15 giorni) che venga visitata da un medico. la ringrazio comunque per le sue risposte



  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 822 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2009
    Guardi io non evito di risponderle.
    La maggior parte degli anziani muore per cause Trombotiche e pertanto l assunzione di aspirina è importante , anche se ovviamente aumenta il rischio emorragico sia gastrico che sistemico.
    Per ciò che concerne gli inibitori della pompa protonica essi son sconsigliati oltre le otto settimane di terapia specie se non supportati da endoscopia.
    Arrivederci
    Cecchini


    Dr. Maurizio Cecchini - Specialista in Cardiologia -Pisa
    Medicina di Emergenza ed Urgenza
    www.cecchinicuore.org

  9. #9
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    la ringrazio davvero, quindi se ho capito bene dalla sua ultima risposta viene fuori che pensare di togliere la terapia a base di inibitori della p.p non sia del tutto fuori luogo, resta logicamente il problema di come gestire l'aspirina. avevo letto da qualche parte che la capacità dell'aspirina di evitare aggregazioni piastriniche è molto lunga supera le 48 ore ecco perchè avevo pensato sempre dopo consenso di uno specialista di alternare tale somministrazione. mi scusi se riscontra eventuali teorie distorte, tengo a precisare che non ho nessuna competenza medica ma sono preoccupato per mia madre per cui cerco di capire cosa possa essere per lei la soluzione migliore. grazie e buon lavoro



  10. #10
    Indice di partecipazione al sito: 822 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2009
    Allora cerco di spiegarmi meglio. L inibizione Dell aspirina sulle piastrine e' totale e dura quanto la emivita delle piastrine e cioè sette otto giorni. Pertanto le piastrinenche vengono prodotte il giorno seguente NON sarebbero inibite dall aggregarsi. Ecco perché la assunzione a giorni alterni non ha senso.
    Arrivederci
    Cecchini


    Dr. Maurizio Cecchini - Specialista in Cardiologia -Pisa
    Medicina di Emergenza ed Urgenza
    www.cecchinicuore.org

  11. #11
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    mi sta dicendo che una volta aggregate con l'assunzione della'aspirina il giorno successivo non si otterrebbe la loro dissoluzione? e che rimarrebbero li a formare un ostacolo?



  12. #12
    Indice di partecipazione al sito: 822 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2009
    L'aspirina NON scioglie il trombo piastrinico che si fosse gia', ma impedisce che altre piastrine efficienti tendano ad aggregarsi sia su un trombo pre-esistente o formarne uno nuovo.
    Con questo la saluto
    Arrivederci
    cecchini


    Dr. Maurizio Cecchini - Specialista in Cardiologia -Pisa
    Medicina di Emergenza ed Urgenza
    www.cecchinicuore.org

  13. #13
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    la ringrazio infinitamente per avermi aiutato a capire come funziona la cosa e per la sua infinita pazienza. mi ero illuso che potesse funzionare a giorni alterni perchè avevo letto da qualche parte che l'aspirina aveva una emivita di 48 ore. grazie e buon lavoro



Discussioni Simili

  1. Sbalzi di pressione
    in Cardiologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17/10/2011, 09:11
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 29/09/2011, 21:02
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28/09/2011, 15:46
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 20/09/2011, 12:08
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29/10/2011, 07:56
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,22        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896