Utente 125XXX
Gentili medici,
circa una settimana fa mi sono sottoposto ad un prelievo per normali analisi cliniche.Al momento del prelievo il biologo non riusciva a trovare la vena del braccio destro,sicchè ha dovuto "scavare" l'ago nella pelle per trovare la vena.
Oggi pomeriggio,a distanza di una settimana,ho avvertito,in prossimità della puntura,un dolore simile alla puntura fatta come se la vena fosse scoppiata(vicino alla zona c'è un piccolo livido,non molto scuro,ma avverto una sensazione di caldo-freddo a braccio).
E' possibile che ci sia stato uno scoppio della vena oppure è solo una suggestione?Da cosa potrebbe dipendere la sensazione di caldo-freddo?
In attesa di risposta,invio cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la possibilità che una vena "scoppi" è assolutamente remota.
Quelli che descrive sembrerebbero i postumi di un ematoma che inevitabilmente coinvolge strutture nervose limitrofe responsabili delle sensazioni parestetiche che lamenta.
In caso di dubbio consulti eventualmente il suo Medico Curante anche per valutare l'opportunità della prescrizione di un antiinfiammatorio.
[#2] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio moltissimo,ora sono un pò più tranquillo,andrò dal medico nei prossimi giorni per un eventuale antiinfiammatorio.