Utente 136XXX
Slave vorrei sapere se io che ho una II classe scheletrica (adeguatamente certificata dalle lastre) posso ugualmente usufruire della mutua per l'intervento di maxillo nonostante dal punto di vista funzionale non presenti problemi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile utente è necessario capire lei cosa intende per assenza di problemi funzionali.
Comunque sia,l'accertameto di una problematica ortognatica la candida sicuramente ad una valutazione chirurgica sostenuta dal SSN.
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
per assenza di problemi intendo il mancato presentarsi di dolori mandibolari o emicranie, e nessuna difficoltà nel masticare.
Le domande che mi hanno fatto i medici almeno rientravano in queste categorie, poi se ci sono altre disfunzioni da dover tener presente non saprei
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
SE effettivamente non ci sono problemi di natura funzionale,
quindi SE lei non è "malato" ma "sano",
e SE, DI CONSEGUENZA, lei effettua l'intervento chirurgico
ESCLUSIVAMENTE per motivi estetici,
non vedo perchè lei debba usufruire delle strutture
del Servizio Sanitario Nazionale,
sottraendo il posto a chi ha necessità funzionali.

Se si dovesse ragionare in termini di etica e di giustizia, direi proprio che la risposta dovrebbe essere negativa.

Sempre, naturalmente, SE quello che lei ha affermato circa l'assenza di problemi funzionali corrisponda al vero.
[#4] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Da quel che ho capito ho due risposte discordanti..
Io il problema ce l'ho, nel senso che è oggettivo, certificato, diagnosticato e dimostrato dalle lastre.

Dal punto di vista pratico però è un "non-problema" in quanto funzionalmente non lamento fastidi.

Ovviamente c'è da fare un discorso sulla relatività di quanto da me asserito: avendo sempre avuto una seconda classe, per me l'atto della masticazione è normale così come è. Non posso sapere come mastichino gli individui normocclusi, pertanto dopo l'intervento potrebbe davvero aprirsi tutt'altro mondo sotto questo punto di vista. Così come non posso escludere che le sporadiche emicranie a cui sono soggetto non siano dovute all'occlusione deficitaria. Per non parlare della postura che non è propriamente corretta, ma proiettata in "avanti", tipico delle II classi.

Chiusa questa parentesi, torniamo al discorso principale. Il Dr. Auletta afferma che sono operabile a prescindere, basta l'evidenza di una malocclusione scheletrica, mentre il Dr. Formentelli dice che oltre a questa devono essere presenti anche problemi funzionali.
Dove risiede la verità? Ma sopratutto, visto che io VOGLIO operarmi, se proprio è necessaria la presenza di disfunzioni, posso dire di averne (mentendo) oppure avete dei vostri metodi per accettarlo?
[#5] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Parlo da cittadino, non da medico.
Per quanto mi riguarda, mi disturberebbe alquanto sapere che parte delle tasse da me pagate servono a interventi chirurgici di natura estetica, ovvero per migliorare la bellezza delle persone, e non per curarle.

Eticamente, se uno vuole fare chirurgia estetica se la deve pagare e non pesare sulle casse della società (cioè su di noi).
Non sto parlando di chi, traumantizza, ustionato o altro ha bisogno di interventi in tal senso.

Questo il senso dei mio pensiero, che evidentemente non ero riuscito a trasmettere nel primo intervento.

Scritto questo, da privato cittadino, mi astengo da ogni altro ulteriore commento.
[#6] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
ha ragione, ma anche io avrò le mie ragioni per "fregare" il sistema. Inoltre sono TOTALMENTE idoneo all'intervento sostenuto a carico della SSN e non vedo perchè non dovrei usufruirne. Quindi da un certo punto di vista non sto "fregando" nessuno, nè il sistema nè i cittadini privati.
Na volta tanto che le cose non si pagano perchè disdegnarle?

Inoltre c'è da tenere presente una cosa. Prima della maxillofacciale dovrei comunque sottopormi ad un trattamento ortodontico che allineerebbe i vari denti, tra cui gli incisivi inferiori che attualmente, essendo inclinati, mi permettono di avere un'occlusione di prima classe. A quel punto i problemi funzionali sorgerebbero irrimediabilmente in quanto il gap tra le due arcate sarebbe quantomai marcato. Quindi io ADESSO non ho problemi funzionali, ma dopo il trattamento ortodontico pre-chirurgico li avrò sicuramente e mi spetterà di diritto la maxillo mutuata.

La soluzione sarebbe non fare nè il trattamento ortdodontico nè la maxillo, insomma, lasciare le cose così come sono. Ma io voglio correggere l'estetica e il trattamento ortodontico lo pago ovviamente a mie spese. Che poi a seguito di quest'ultimo sorgerà la necessità (sia estetica che FUNZIONALE) di fare l'avanzamento mandibolare, bhe non vedo perchè non debba sottopormici a carico dell'SSN.
[#7] dopo  
Dr. Federico Servadio
24% attività
4% attualità
12% socialità
SAN GIULIANO TERME (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Il dott. Formentelli di principio ha ragione. Lei si vuole operare solo per ragioni estetiche e quindi dovrebbe pagare!! Poi nella realtà dei fatti molto probabilmente troverà un chirurgo compiacente che la opererà gratuitamente in ospedale, giocando sull'ambiguità della problematica.
Di sicuro un chirurgo esperto che non ha bisogno di migliorare la sua tecnica, la indirizzerebbe as una struttura privata, per le ragioni di cui sopra.
Cordiali saluti