Utente 386XXX
Gentile dottore le sottopongo il caso di mia moglie per un consiglio.
Circa un mese fa ha avuto un accesso con gonfiore in corrispondenza di 2 denti , curato con antibiotico è regredito . I denti sono purtroppo dei pilastri di un ponte che include 8 denti (2+2 Pilastri e 4 denti centrali anteriori).
Da una ortopanoramica un dottore ha dedotto che c’è una infiltrazione sull’ultimo dente del ponte, il 34, che è incapsulato ma non è stato devitalizzato, per non smontare tutto si dovrebbe tagliare la protesi tra il 33 e il 34 , isolare il dente togliere la capsula eseguire una cura canalare e richiudere con capsula e eventuale perno.
Un altro che abbiamo consultato dice che non si riesce a capire se il dente è o meno cariato per la presenza della capsula , potrebbe trattarsi di un problema pardontale , da curare con curettaggio.solo se si ripete il problema da curare il dente però forando la casula
Da alcuni giorni comunque è comparsa un fistola sulla gengiva in corrispondenza del dente 34 che però è sparita.
Da tenere conto che il dente non ha mai dato dolori , si sente solo un po’ di freddo e propabilmente è vivo.
Prima di andare a compromettere la costosa protesi vorrei essere più che sicuro della reale necessità di operare sulla stessa.
Poi il sistema di forare la capsula è da considerare valido ? perchè non mi è stato proposto anche dal primo dentista ?
Vi ringrazio perché no sappiamo più a chi credere e cosa fare.
PS mia moglie ha 74 anni
Dispongo della ORT e della lastrina del dente che posso inviare
[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
la metodica di forare la capsula è certamente la meno invasiva considerando che il foro verrebbe praticato a livello occlusale, quindi risulterebbe non visibile, e verrebbe poi otturato con del composito ripristinandone la superficie anche dal punto di vista estetico.
La presenza di una fistola lascia ipotizzare una lesione periapicale, probabilmente un granuloma: è necessaria una rx endorale per una valutazione più dettagliata.
In caso di compromissione parodontale, è possibile di solito sondare la tasca ed in caso di ascesso il pus drena facilmente all'esterno attraverso il solco gengivale.
Se ci dovesse essere una compromissione parodontale è opportuno quasi sempre devitalizzare il dente poichè non si può escludere che il processo infettivo abbia anche interessato la polpa dentaria attraverso qualche canale laterale della radice.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2007
grazie mille della cortese risposta, vorrei essere sicuro di avre ben capito:
é possibile curare in modo efficace il dente semplicemente bucando la casula anche nel caso che il problema sia dovuto ad una infiltrazione? alcuni dicono di si altri no tanto che propongono di tagliare e scoperchiare il dente.
Da una visione di una radiogrfia sembra ci sia na tasca pardontale sul dente 33 non può essere questa a provocare l'ascesso e anche la fistola che tra l'ltro si è riassorbita in pochi giorni e ora è scomparsa.
Mia moglie sente il freddo quando beve cosa significa? il dente sembrerebbe vivo potrebbe aver provocato ugualmente il problema?
Cosa succede se mi limito ad effettuare una pulizia dei denti e aspetto per vedere se si ripete?
Grazie ancora
FDO
[#3] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
la terapia endodontica forando la capsula è possibile e consigliabile, dato che, se si riesce a decementare la protesi senza danneggiarla, non si possono comunque escludere danni al moncone con difficoltà a ricementare il manufatto protesico perfettamente come prima.
Per il resto sono necessari diversi passaggi diagnostici ed in mancanza di una visione diretta è difficile essere esaustivi, anzi si rischia di confondere le idee all'interlocutore.
Si affidi al dentista meno 'invasivo', che proceda per gradi.
Cordiali Saluti