Utente 531XXX
Salve,mi chiamo Alessandra e ho 27 anni da 3 anni ho scoperto a seguito della perdita di vista totale temporanea di avere la toxoplasmosi in forma congenita .
Quello che ha causato finora l'infezione è una vasta zona ischemica retinica a l'occhio dx con perdita del visus,fotofobia ,forti spasmi alle palpebre e coinvolgimento del trigemino dx .
Ad oggi sono ancora in cura per la toxoplasmosi ed a quanto mi hanno detto farò questa cura a vita perchè i valori mi determinano a rischio, la cura è a base di deltacortene e spiramicina e per la nevralgia trigeminale prendo branigen 500mg e gradient polifarma 10mg.
La mia domanda è se la cura è esatta e se ci sarà mai una fine e se decidessi di affrontare una gravidanza che vari dottori mi hanno sonsigliato a cosa andrei in contro.
Grazie e buon anno.
Alessandra
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

il rischio di malformazioni e/o danni al feto è elevato. Non possiamo fare una quantizzazione precisa ma sussiste un forte rischio. Ci sono studi che hanno dimostrato che la sommonistrazione di cicli di spiramicina in continuo, con cicli di pirimetamina e sulfonilamide, nel caso di passaggio transplacentare del protozoo , ridurrebbe notevolmente il rischio di toxoplasmosi che , però, rimarrebbe comunque cospicuo.
La spiramicina ha un'ottima attività antiparassitaria, prevenendo il passaggio atraverso la placenta del parassita ed essendo anche ben tollerata, in genere, dalla madre; in aggiunta non avrebbe effetti teratogeni. Rimango del parere che, comunque, il rischio permanga elevato. Le consiglio di rivolgersi ad un centro infettivologico per una valutazione globale.

Un saluto

A. Baraldi
[#2] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dott.Baraldi per la sua risposta immediata , ma volevo farle un'altra domanda riguardo la toxoplasmosi congenita , c'è una cura che la debelli completamente ? perchè la mia paura e che ancora dopo 3 anni di cura a base di spiramicina e deltacortene i valori non si sono abbassati e quindi sono ancora a rischio , considerando che la lesione che ho alla retina dell'occhio dx si è ingrandita.
Aspetto sua risposta.
Grazie.
Alessandra.
[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

la cura è appunto quella con spiramicina e con quelle eventuali associazioni farmacologiche di cui le ho parlato. Riguardo i tempi il discorso si fa più complesso perchè dipende soprattutto, oltre che dalla risposta del parassita al farmaco, dalla risposta immunologica dell'individuo che è variabile. Non è possibile dare un tempo preciso. La cosa importante e che lei sia seguita da un centro infettivologico che contempli anche quelle specialità come neurologia ed oculistica necessarie nel suo caso.

Un caro saluto

A. Baraldi
[#4] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dr. Baraldi , volevo porle l'ultima domanda, sà indicarmi un buon centro in sicilia o altrove inerente al mio caso.
Grazie.
Alessandra.
[#5] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
So di centri per malattie infettive presso Catania e Palermo, però non saprei dire di più; vediamo se i colleghi del sito la possono indirizzare più specificamente.

Un saluto

A. Baraldi
[#6] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio tanto dr.Baroldi.
Aspetto notizie.
Grazie.
Alessandra.