Utente 208XXX
Buongiorno vi trascrivo qui di seguito la consulenza del ps, chiedendo voi un parere/consiglio personale.

Accesso in ps per dolore addominale dx superiore e alla spalla e nausea.

Consulenza di pronto soccorso:
Paziente noto, si presenta per dolore in ipocondrio dx irradiato alla spalla dx.
Paziente affetto da polipatologia: Ipertensione arteriosa con retinopatia ipertensiva di II grado, nefropatia ipertensiva con lieve IR stabile, iniziale cardiopatia ipertensiva, tireotossicosi in accertamento diagnostico, iperaldosteronismo-iperreninemico, nefrolitiasi e colelitiasi con coliche addomino-renali recidivanti, iperplasia ipofisaria con sospetto diagnostico di microadenoma ipofisario e riscontro di aspecifica emianopsia asimmetrica bitemporale.
In TP con Lansoprazolo, Cardura, Zanedip, Catapresan, Lasix, Atenololo, Fluoxetina, Methotrexate.

Esame Obettivo:
Addome globoso per adipe, trattabile, presenza di strie rubrae, alla palpazione superficiale e profonda dolente in ipocondrio dx e FIDX, non blumberg, Murphy ++, Mc Burney +, Giordano negativi bilateralmente, non soffi mesogastrici, non masse pulsanti, peristalsi presente.

Terapia:
TORADOL 1 FL, BUSCOPAN 2 FL IN 250 FIS.

Esami:
Modesta anemia microcitica, lieve incremento della creatininemia (1,26 mg/dL)

Alle precedenti eco addominali:
31/07/2011: microlitiasi rene dx, calcolo della colecisti di 6 mm.
10/08/2011: scomparsa delle litiasi. nulla da segnalare.
02/09/2011: nulla da segnalare, dopo 2 minzione residuo vescicale di 75 ml.

Il chirurgo viste le frequentissime coliche addominali con febbre ieri mipropone intervento di colecistectomia. Gradirei un vostro parere e consiglio.

Ringraziando anticipatamente. Cordialità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile signore, il tipo di sintomi accusati sono in possibile relazione con una colica biliare. Quindi se la litiasi colecistica è accertata e se le patologie concomitanti non controindicano l'intervento direi che questo possa essere preso in considerazione.
[#2] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Ricordo la mia età di anni 18.
Oggi il dolore è riapparso. Che fare?
Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Purtroppo l'età in certi casi non può essere un ostacolo alla chirurgia sebbene le perplessità vi siano.Però se come afferma le coliche sono così frequenti non esiste alternativa.
[#4] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Le trascrivo qui sotto l'esito della ileo-colonscopia (Aprile 2011)
- Toilette: Sufficiente
- Ampolla: Libera
- Ileo: Mucosa regolare, non lesioni.
- Colo ascendente, discendente: Non lesioni, regolare il decorso.
Conclusioni: Non alterazioni delle sedi esplorate.

Alle biopsie: Si rileva flogosi cronica a basso grado della lamina propria dell'ileo terminale. Iperplasia mucipara dei colociti.


All'ENTERO-RMN eseguita in data odierna (21/11/2011) descrive:
Indagine eseguita previa assunzione per OS si PEG, con sequenze mirate alle ansa digiuno-ileali. Discreta distensione delle anse digiuno-ileali.
L'ultima ansa ileale, sino alla valvola ileo-cecale, per un'estesione calcolata di circa 7 cm, presenta uniforme ispessimento delle pareti, con riduzione del calibro, e discreto enhacement dopo iniezione endovenosa di gadolinio.
Tale reperto è suggestivo per la localizzazione di malattia infiammatoria intestinale cronica. Utile valutazione endoscopica mirata. Regolari le rimanente anse digiuno-ileali esaminate. Coesistono minute nodularità linfonodali nel ventaglio mesenteriale, a destra della linea mediana. Non si rilevano alterazioni rilevanti degli organi parenchiomatosi. Non lesioni ascessiali perianali né tramiti fistolosi. Non versamento endoperitoneale.

Vorrei sapere una vostra opinione. Cordialità.
[#5] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
L'esito dell'esame depone per una possibile IBD (in questo caso un interessamento localizzato di M.di Crohn). Pertanto il consiglio è di affidarsi al gastroenterologo che potrà consigliare eventualmente l'esecuzione di ulteriori approfondimenti come ad es. il dosaggio della Calprotectina ecc.
[#6] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio per la celere risposta.
Domani verrò sottoposto ad intervento di colecistectomia VLS 5 mm per calcolosi della colecisti. Io ogni 20-40 giorni ho febbre e dolori in addome basso a destra.
Vorrei chiedere se quei dolori sono legati al problema della colecisti e quindi da domani non ci saranno più o se possono avere anche un'origine del problema intestinale.
Ringrazio anticipatamente e mi rivolgerò presto da un gastroenterologo. Cordiali Saluti.
[#7] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
E' questa una domanda a cui non so rispondere. Non mi pare però che la sintomatologia sia ascrivibile a coliche biliari. Però se così fosse l'intervento potrà risolvere il problema.
[#8] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

credo che la sua decisione, a sottoporsi ad intervento chirurgico, sia corretta.

anche la tecnica utilizzata mi sembra quella corretta. la chirurgia mini invasiva risulta essere il gold standard per questa patologia.

un grosso in bocca al lupo

cordiali saluti
[#9] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio il dr. Rossi.

Gentile dr. Catani, sono stato sottoposto l'altro giorno ad intervento chirurgico di colecistectomia VLS, andato a buon fine.
L'esito della Entero-RMN come sopracitato i chirurghi confermano il morbo di Crohn.
Correi un suo parere, soprattutto sulla discrepanza tra l'esito della rm e della colonscopia.
Cordiali saluti.
[#10] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Gentile signore,la rm eseguita a novembre indica una localizzazione molto circoscritta di IBD. E' pertanto probabile che in Aprile la malattia fosse in una fase di remissione(poichè come certo le avranno spiegato le IBD vanno incontro a periodi di posses e quiescenza) e pertanto non vi erano segni di compromissione colonscopicamente rilevabili.
[#11] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio per la risposta.
Mercoledì 7 dicembre avrò una visita specialistica gastroenterologica e vi farò sapere dell'esito.
Volevo descriverle il brutto decorso post-colecistectomia e desideravo un Suo parere.
La mattina dopo l'intervento mi fanno gli esami del sangue dove risulta un'importante anemizzazione. (Hb pre-intervento(Lunedì) 13,3 g/dL ; Hb post-intervento(Mercoledì) 9,6, Ematocrito 29,8; Eritrociti 3,48). Tale reperto è stato responsivo di malessere. (Venerdi) u.s. ho dovuto contattare la guardia medica per dolori di pancia e febbre, la sessa mi invia in pronto soccorso per gli accertamenti:

- L'emocromo:
Hb 9,8
Ematocrito 29,4;
Eritrociti 3,53
- PCR elevata (5,84 mg/dL v.n. < 0,50)
- Bilirubina totale 1,3 v.n. <1,0
- ALT 60 v.n. 10-35

Il medico di ps richiede un'eco addome che descrive:
Fegato nei limiti volumetrici e strutturali. Pervia la v. porta. Nel letto colecistico si apprezza raccolta liquida corpuscolata che si estende fino al recesso sottoepatico di 10 cm. Ulteriore raccolta liquida anche in sede pre-vescicale di 9 cm x 6 cm.
Milza e reni nella norma. Pancreas e retroperitoneo mal visualizzabili.

Mi hanno trattenuto in osservazione per la notte di venerdì e poi sono stato dimesso con diagnosi di: Sospetto ematoma in sede colecistica post-colecistectomia.
Venerdì p.v. mi attendono per una TC addome con mdc.

Voglio chiedere un vs parere in quanto da un intervento definito di routine mi sembra esser stato una cosa abbastanza complicata.

Cordiali saluti.
[#12] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Si , è verosimile che vi sia stato un sanguinamento dalla zona dove era adesa la colecisti. Tre punti di calo di emoglobina indicano una lieve anemizzazione deve considerare che vi è stata anche una diluizione del sangue per opera dei liquidi che sono stati infusi nel post intervento. Tale raccolta andrà seguita nei giorni a venire e in seguito probabilmente drenata con una puntura eco o TC guidata. E' inoltre possibile che oltre al sangue nella raccolta sia presente della bile che geme dal "letto" della cistifellea. Non sarà comunque una cosa dolorosa e di cui preoccuparsi.
[#13] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio per la risposta.
Ogni mattina, su consiglio del medico, ripeto l'emocromo.
L'emoglobina era andata a 10,7 e stamattina è ritornata a 10,1.
Io ho un dolore notevole nell'addome superiore sinistro.
Ricontrollando l'eco può esser compatibile?
Venerdì sono programmato per una TC addome con mdc.
Cordialità.
[#14] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
La TC darà risposte precise anche in relazione a ciò che sarà opportuno fare e aggiornerà sulla situazione del versamento. L'emocromo è da considerare quasi nel limite della normalità. Forse l'assunzione di ferro aiuterà la normalizzazione completa.
[#15] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Ho eseguito la TC addome, questo è il referto:
Fegato, milza, pancreas, reni e surreni nei limiti volumetrici.
Clips metalliche in sede colecistica dopo intervento di colecistectomia per via laparoscopica.
Quanto possibile valutare in assenza di somministrazione ev di mdc si apprezza nel letto colecistico raccolta ematica di 57 mm con spessore di 18 mm; analoga raccolta anche in sede pre-vescicale di 64 mm con spessore di 51 mm. Granuglia linfonodale in sede mesenteriale e in fossa iliaca dx.
In sede del fondo colon ceco si apprezza area di 5 mm iperdensa (Clips metallica?)



Vorrei sapere 1 se i versamenti sono regolari e 2 se la clips metallica nel colon ceco dovrebbe esserci. Cordiali saluti.
[#16] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Le raccolte sono l'esito di un sanguinamento,però rispetto al controllo precedente si sono notevolmente ridotte.Quanto "all'area iperdensa del fondo ciecale" solo vedendo le immagini è possibile dare un parere. Il chirurgo che effettuerà il controllo le darà la risposte corrette.
[#17] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Gentili medici, volevo chiedervi un parere riguardo alla diagnosi di . di Crohn:

- entero-RMN: ispessimento dell'ultima ansa ileale di 7 cm con riduzione del calibro fino alla valvola ileo-cecale. Linfonodi aumentati di volume sono presenti nel ventaglio mesenteriale.

Colonscopia con biopsia:
Si risale con l'endoscopio fino all'ileo (superandolo di circa 20 cm).
Nessuna alterazione endoscopica.

Esame istologico:
Ileale: Nessuna altreazione di rilievo.
Rimanenti settori: Iperplasia mucipara dei colociti associati ad edema e flogosi di basso grado della lamina proprio.

Per questa problematica io sono stato messo in tp con Pentasa 1500 mg/di dopo episodi di dolori addomionali, diarrea cronica e rettoraggia.

Gli esami dimostrano un Crohn o no?
Cordiali saluti.