Utente 226XXX
Salve! Le scrivo perchè sono preoccupata per mia madre...Ora le spiego..
Da un mese circa presenta un dolore all'altezza del gomito destro, lei dice che il dolore aumenta quando lo tocca....il dolore è saltuario, e capita che dei giorni non lo ha.
Ultimamente la vedo molto stanca e pallida, ma la cosa che mi ha preoccupato di più è stato un episodio successo l'altro ieri: prima di mangiare lei lamentava un fastidio allo stomaco, "come se avesse un buco allo stomaco perchè non aveva mangiato", poi quando abbiamo finito di mangiare ha accusato un forte mal di testa e fastidio allo stomaco, e acidità di stomaco e un poì di tachicardia, che è stata costretta a mettersi a letto. La situazione verso sera è migliorata anche se non si sentiva molto bene, uguale il giorno dopo, lamentandosi del fatto che si sentiva gonfia di stomaco e fastidio....anche sulla parte della pancia ma non ha mai provato un vero e proprio dolore, solamente delle "fitte". Oggi, a suo dire, il dolore le è passato ma io sono preoccupata. Premetto che mia madre non soffre di pressione alta, l'ha sempre normale tendenzialmente bassa. Può essere lo stress? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Francamente, la sintomatologia riferita appare più di pertinenza dell'apparato digerente che di quello cardiovascolare. Comunque, il suo medico di medicina generale semplicemente visitando la paziente potrà orientare la diagnosi nella giusta direzione.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Il mal di stomaco continua da 6 giorni...non è un dolore insopportabile nè è presente sempre....c'è da preoccuparsi? Come si manifesta e per quanto tempo il mal di stomaco in caso di infarto?
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il mal di stomaco si presenta con le caratteristiche da Lei descritte in caso di malattie... dello stomaco! Un dolore in regione epigastrica può essere presente anche in alcuni casi di infarto miocardico, ma con caratteristiche totalmente diverse per sede, tipo, durata, irradiazione, eccetera.
Si rivolga comunque al Suo medico per una visita generale e in particolare per una valutazione clinica e/o strumentale del tratto digerente superiore (esofago, stomaco, duodeno).
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Le volevo chiedere un'altra cosa...i valori del colesterolo credo siano alterati...colesterolo tot. 204 e hdl 38....hdl è troppo basso?
[#5] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il valore della colesterolemia HDL preso da solo ha scarso significato. E' importante invece la correlazione con la trigliceridemia per poter calcolare il valore della frazione LDL. Così si potrà avere un'indicazione di massima del rischio cardiovascolare, che va però sempre rapportato al singolo individuo con il suo indice di massa corporea, il suo metabolismo glucidico, l'abitudine al fumo, la familiarità per malattie cardiovascolari, la sedentarietà, eccetera eccetera.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Il dolore allo stomaco è passato, e dal primo attacco di mal di stomaco sono passate due settimane...ora dice di non avere più nessun sintomo, apparte una leggera stanchezza e pressione un po' bassa.....c'è da preoccuparsi? i trigliceridi sono 186, 204 colesterolo totale, 38 hdl....non fuma, non beve alcolici. malattie cardiovascolari in famiglia non ci sono, è una donna molto attiva...
[#7] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
ah e ho sentito anche che la presenza di xantelasma aumenta il rischio di infarto...è vero?
[#8] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Dai dati che ha allegato si può calcolare una colesterolemia LDL pari a circa 129 mg/dl, valore tutto sommato accettabile in un soggetto senza altri fattori maggiori di rischio cardiovascolare (diabete, fumo, ipertensione, obesità, eccetera).
Infine, è assolutamente improbabile che in un soggetto con un simile assetto lipidico gli xantelasmi siano attribuibili ad ipercolesterolemia, e che quindi gli stessi xantelasmi possano essere in alcun modo correlabili ad un aumento del rischio cardiovascolare.
Cordiali saluti
[#9] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
e degli altri valori che mi dice?
[#10] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Quali altri valori? Lei mi ha indicato solo i valori dell'assetto lipidico, e per quanto riguarda quelli Le ho già risposto.
Cordiali saluti
[#11] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Ma è sicuro che questi valori diano normali e che non ci sia da preoccuparsi?
[#12] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Le ho già risposto. Se ha dei dubbi chieda pure altrove.
Arrivederci