Utente 226XXX
Bungiorno, sono un ragazzo di 24 anni ed in seguito ad un ciclo di antibiotici, ultimato circa due settimane fa (il settimo in 10 mesi), ho riscontrato un'infiammazione del glande che ha interessato anche, in parte, il prepuzio, problema per altro già riscontrato successivamente al penultimo ciclo di antibiotici (svolto a settembre). Entrambe le volte il problema è stato risolto utilizzando una pasta a base di ossido di zinco. Tuttavia, in seguito all'ultima infiammazione, ho riscontrato una persistente screpolatura dell'interno e dell'esterno del prepuzio, nonché un leggero ispessimento ad anello di una piccola porzione di pelle del prepuzio, nonostante questo riesco a scoprire il glande senza dolore sia in erezione che a riposo. Il fatto è che avendo la pelle screpolata si producono delle microlacerazioni nella zona interna del prepuzio. La mia domanda è: si tratta di fimosi? Oppure è un normale scompenso provocato dall'alterazione della flora batterica genitale (visto il numero elevato di cicli di antibiotici che ho dovuto sostenere)? Come mi devo comportare? Attendere ancora qualche tempo monitorando la situazione prima di consultare i mio medico generico, o recarmici prontamente?
Grazie per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
dal suo racconto di desume una lieve fimosi cicatriziale ma è bene che al più ppresto si faccia visitare.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

certo che i vari antibiotici assunti, abbassando le sue difese immunitarie possono aver contribuito a contrarre un'infezione, che solo una visita diretta sarebbe in grado di diagnosticare. Utile sarebbe conoscere la situazione ginecologica della eventuale partner.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Gent.mi dottori,

vi ringrazio per la celere risposta e per il prezioso consulto.

Cordiali saluti.