Utente 187XXX
Gentili dottori,
recentemente un mio parente ha subito un principio ischemico il quale, per nostra fortuna, è stato lieve. La TAC ha riportato una completa occlusione di una carotide; al che, i dottori, hanno detto che se una carotide è completamente occlusa non è possibile eseguire un intervento chirurgico che consenta di "aprirla" e ripristinare, in parte, la circolazione.
Volevo, semplicemente per mia curiosità visto che non ho avuto modo di parlare direttamente con loro, chiedere un'informazione circa l'intervento che normalmente viene eseguito per un'occlusione nonchè il motivo per cui, su un'arteria completamente occlusa, non è possibile svolgere l'intervento.
Ringrazio gentilmente per la disponibilità e le vostre informazioni.
Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Le informazioni che Le sono state fornite sono corrette e condivisibili. La completa occlusione di una carotide e' stata resa tollerabile dal regime di supplenza degli altri tronchi arteriosi afferenti all'encefalo, ai quali va rivolta l'attenzione (eventualmente anche chirurgica€ al fine di mantenerne una valida pervieta'. I rischi di un tentativo di ricanalizzazione del vaso ostruito, e che non consente percio' fenomeni di embolizzazione, supererebbero di gran lunga i vantaggi.
[#2] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
Gentilissimo dottore,
la ringrazio davvero gentilmente per la spiegazione, la velocità e la precisione della sua risposta. Ora infatti ho avuto modo di capire ciò che i medici hanno deciso di fare, esattamente quello che mi ha confermato lei.
Le auguro buona serata e una buona continuazione.
Cordiali saluti