Utente 533XXX
buongiorno,
ho 56 anni,e sono stata sottoposta 3 anni fa ad operazione
PER LA SOSTITUZIONE della VALVOLA MITRALICA CON VALVOLA MECCANICA e CARDIOVERSIONE ELETTRICA IN SEDE DI INTERVENTO.

dato il presentarsi di una fibrilalzione atriale, il mio cardiologo mi ha consigliato èdi sottopormi allo STUDIO ELETTROFISIOLOGICO,rassicurandomi sul rischio minimo che si affronta sottoponendosi a questo esame.
Vi chiedo se è preferibile eseguire l'ablazione già in fase di studio o rimandarla ad un successivo intervento dopo aver esaminato i risultati dello studio.
Inoltre vorrei informazioni su quali sono i centri qualificati in Italia a cui potersi rivolgere per tale intervento

grazie
Lorenzina
Pescara

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Aniello Ascione
24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
Lo studio elettrofisiologico permette di definire il tipo di aritmia e l'inducibilità della stessa. La fibrillazione atriale di per sè è un tipo di aritmia per niente responsiva all'ablazione con Radiofrequenza in via definitiva,potendo ripresentarsi nel tempo,mentre lo è il flutter atriale. Pertanto,visti i Suoi trascorsi "cardiochirurgici",considerata l'anatomia delle camere atriale e ventricolare sinistra,Le consiglierei di rivolgersi ad un Centro specializzato:piu' vicini alla Sua città sono Roma (Prof. Massimo Santini)o Napoli presso l'Ospedale in cui lavoro .
Cordiali saluti
Dr.Ascione
[#2] dopo  
Utente 533XXX

Iscritto dal 2008
grazie