Utente 227XXX
buongiorno scrivo per conto di mia mamma che ha fatto delle analisi del sangue dalle quali è emerso che ha alcuni valori anomali.
ha preso appuntamento presso un nefrologo, ma è stato fissato tra circa 10-15 giorni. lei è molto preoccupata e sta pensanddo a qualcosa di grave. qui di seguito le indico i valori non buoni che riportano l'asterisco.mia madre ha 61 anni. ecco i seguenti valorii:
Esane sangue:
1.G. eosinofili%: 8.5 contro valore <6
2. G.eosinofili 0.7 contro valore di 0.0-0.5
3 Urea 101 contro 10-50
4 Creatinina ( valore 1.52 contro 0.50-1.00 e GFR di 34.77 contro valore > 60)
5. colesterolo 229 contro <220
6. colesterolo LDL : 145 contro valore <130;
Esame urine:
1.Peso specifico 1.011 contro valore 1.014-1.025;
2.Emoglobina: .0.20 contro <0.03
3.proteine 30 contro <20
4. Leucociti : 127 contro < 18
Eritrociti: 154 contro <18
Batteri 73102 contro < 5000


purtroppo è preoccupata e vorrei sapere se biosogna preoccuparsi seriamente o ad occhio medico è qualcosa di anormale ma facilmente risolvibile
grazie e attendo un suo riscontro
cordialmente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Aldo Ortensia
24% attività
0% attualità
4% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
Purtroppo lei non scrive molto in merito alle condizioni di salute di sua madre; sarebbe utile sapere se è ipertesa, diabetica, in sovrapeso, quali farmaci assume e quali sintomi accusa.
In mancanza di tali dati clinici è difficile rispondere al suo quesito in merito alla gravità della patologia renale di sua madre.
Il modesto incremento degli eosinofili non mi sembra significativo.
I valori di urea, creatinina e GFR depongono per una malatia renale cronica (MRC) in stadio IIIb ma l'assenza di anemia secondaria, associata alla batteriuria ed alla modesta proteinuria potrebbero deporre per una infezione urinaria che "aggrava" un quadro di MRC iniziale.
Convinca sua madre a non preoccuparsi più del dovuto: in ogni caso la sua MRC è in una fase ancora facilmente gestibile con un terapia conservativa farmacologica e dietetica.
Ha fatto molto bene a prenotare una visita specialistica nefrologica e le consiglio di presentarsi alla visita con gli esiti dei seguenti esami ad integrazione di quelli già eseguiti:
Dosaggio paratormone (PTH)
Elettroforesi delle sieroproteine
Urinocoltura con antibiogramma
Ecotomografia dell'addome superiore

Rivolgo a sua madre i mie migliori auguri con il consiglio di non allarmarsi perchè è ancora giovane e con cure adeguate può recuperare al 100%.

[#2] dopo  
Utente 227XXX

Iscritto dal 2011
salve e grazie per la risposta celere...allora le indico tutto ciò di cui prima mi sono dimenticato....per l'attivita che svolgo i dati sono gli unici parametri di interesse...chiedo venia..
mia madre soffre di ipotidoirismo ed è sotto controllo medico ogni 6 mesi. ogni giorno prende l'eurotirox e per il resto sta bene di salute. poichè la tiroide non funziona( i medici tuttavia hanno detto che è inutile l'intervento) tende a ingrassare, quindi è in perenne dieta( cmq un 1.60-65 per 56-57kg). pur vero che negli ultimi 4 mesi è stata in sicilia e ha mangiato tuttò ciò che compete alla tradizione culinaria siciliana compresi i dolci.
per il resto non credo che ci sia altro da aggiungere in quanto non prende alcun altra medicina.ogni sera fa una tisana per la stitichezza oppure prende sollievo
cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Aldo Ortensia
24% attività
0% attualità
4% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
L'ipotiroidismo non ha alcun influsso negativo sulla funzionalità renale ad eccezioni del caso in cui si manifesti come secondario ad una tiroidite autoimmune che potrebbe coinvolgere anche il rene. Si ricordi che una terapia con Eutirox corretta dovrebbe conservare il valore del TSH inferiore a 5.
Le scorpacciate siciliane non avranno certo fatto del bene ma neppure un gran danno.
I consigli che le ho rivolto in precedenza restano immodificati; bisogna accertare che non sia presente una infezione delle vie urinarie asintomatica e verificare i possibili danni collaterali dell'insufficienza renale.
Mi dia retta: faccia valutare sula madre dal Collega nefrolo e si affidi alle sue cure.
Cordialmente.