Utente 492XXX
Ho 28 anni.dopo un po’ di anni mi sono deciso a rivolgermi da un andrologo. Sono da 4 anni con la mia ragazza e praticamente da sempre ho difficoltà sia a raggiungere che a mantenere l’erezione. Premetto che non sono diabetico ne cardiopatico ne faccio uso di alcool o droghe di sorta. Ho delle erezioni notturne e mattutine anche se con la masturbazione riesco a raggiungere le erezioni con un po’ di difficoltà. Alla visita l’andrologo mi ha riscontrato un varicocele di terzo grado al testicolo sinistro ed in seguito mi ha prescritto delle analisi ormonali, uno spermiogramma ed una spermiocoltura di cui riporto gli esiti.

Glucosio 95 mg/dl
Urea 33 mg/dl
Creatinina 0.87 mg/dl
Aspartato amminotrasferasi(asat/got) 21 UI/L
Alanina amminotransferasi (alt/gpt) 29 UI/L
Colesterolo totale 188 mg/dl
Trigliceridi 85 mg/dl
Colesterolo hdl 62 mg/dl
Colesterolo ldl 109 mg/dl
Follitropina(fsh) 2.3 mUI/ml
Luteotropina(lh) 1.65 mUI/ml
Prolattina 9.55 ng/ml
Testosterone totale 3.57 ng/ml
Testosterone libero 8.2 pg/ml
Tireotropina 1.78 uU/ml

SPERMIOGRAMMA

QUANTITA’ 3.2 ml
VISCOSITA’ +--
FLUIDIFICAZIONE +--
VITALITA’ DOPO 2 ORE 20%
VITALITA’ DOPO 12 ORE 10%
pH 8
NUMERO DI NEMASPERMI 20milioni
Spermatozoi mobili progressivi rapidi 18%
Spermatozoi mobili progressivi lenti 30%
Spermatozoi mobili non progressivi 25%
Spermatozoi immobili 27%
NEMASPERMI MOBILI 40%
PERCENTO FORMA NORMALE 25%
ESAME MICROSCOPICO alcuni leucociti
Anomalia della testa 10%
Anomalia del collo 15%
Anomalia della coda 30%

SPERMIOCOLTURA

Coltura Positivo
Colonie 10 alla quarta
Micoplasma 0
Gardenerella 0
Candida 0
Batteri G+ 0
Batteri G- positivo

Vorrei sapere se, per quanto riguarda la disfunzione erettile, esista una relazione tra i valori trovati e le mie capacita’ di raggiungere l’erezione, in particolare se il valore della luteotropina(LH) un po’ più basso della norma possa essere coinvolto nel mio problema erettile. In caso contrario si può parlare di un problema prettamente di natura psicologica?
Per quanto riguarda lo spermiogramma si può parlare di una compromissione della mia fertilità? si presenta la necessità di un intervento sul varicocele?
In che misura potrebbe essere ripristinata la mia capacita’ fertile in seguito ad un eventuale intervento? la spermiocoltura ha rivelato una infezione da G-. a cosa si può attribuire? Ad una infezione della prostata?(una urinocoltura di un paio di mesi fa ha dato esito negativo, come si può conciliare la cosa?). può essere una conseguenza del sesso anale non protetto? Vi ringrazio. aspetto una vostra risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigino Bellizzi
24% attività
4% attualità
0% socialità
SAPRI (SA)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2004
Gentile Sig.re
Credo che dovrebbe prendere in considerazione di correggere chirurgicamente il suo varicocele di 3° grado,dopo aver curato con adeguata terapia medica la prostatite di cui e' affetto, come rilevano i risultati degli esami che ha eseguito.Poi effettuare un esame ecolordoppler del pene sia a riposo che in erezione sotto stimolazione farmacologica se il problema non si risolve e ripetere lo spermiogramma e lo spermiocoltura per valutare l'efficacia delle cure praticate.Per quando riguarda il rapporto tra la prostatite e il sesso anale non protetto sicuramente ci puo' essere una relazione.Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il suo liquido seminale mostra qualche problema e dovrebbe essere ripetuto.
Se le alterazionipersistessero , allora la correzione chirurgica del varicocele potrebbe avere un significato di tutela e terapia della sua fertilità.
Per quanto riguarda la sua funzione erettile che sembrerebbe essere caratterizzata da un difficoltà a conseguire una rigidità adeguata e a mantenerla senza dover applicare stimoli manuali intensi; questo aspetto è molto indicativo di una non normale funzione del Sistema Veno Occlusivo cavernoso, frequente in chi abbia il varicocele, e che non ha nulla a che fare con la funzione prostatica
Si faccia valutare da un andrologo competente e decida con lui le modalità terapeutiche più idonee.
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
le consiglierei di farsi curare chirurgicamente il varicocele e curare bene l'infezione rilevata dallo spermiocoltura
per il problema erettivo penso si tratti di un problem psicologico condizionato dalle altre due situazioni
si faccia seguire da un andrologo serio che l'aiuti a risolvere bene le tre situazioni