Login | Registrati | Recupera password
0/0

Corpo estraneo nell'occhio

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008

    Corpo estraneo nell'occhio

    Gentilissimo Dott.

    In breve cerco di riassumere quanto mi è accaduto:

    verso il venti di dicembre scorso, un piccola scheggia metallica mi è penetrata nell'occhio.
    Solo dopo due giorni ho sentito i primi burciori ed arrossamenti, mi sono recato in pronto soccorso, ed in anestesia locale con un piccolo trapano mi hanno tolto i residui ancora conficcati nell'occhio, la parte lesa è ai bordi della pupilla. Come terapia mi hanno dato il bendaggio per tre giorni e l'applicazione del Gel Xanternet per 5 giorni.
    Ho seguito le indicazioni datemi aggiungendo un giorno in più per il gel.
    Il due gennaio scorso, avendo notato che da lato in cui mi sono fatto male non vedevo completamente bene con la sensazione di un leggero velo annebbiante, mi sono recato di nuovo in pronto soccorso.
    Sfortunatamente non ho trovato lo stesso medico che mi aveva seguito nell'intervento e quello di turno molto fugacemente e ritenendo non necessario visitarmi, mi ha detto di continuare la terapia prescrittami e che per quanto riguardava il velo, se l'epitelio non si ricostruiva bene poteva anche rimanermi il velo visivo.
    Ora il mio quesito è il seguente;
    esiste qualche medicinale atto a favorire la cicatrizzazione e la formazione dell'epitelio oculare?
    dopo cicerche su internet, ho visto che per esempio la pomata di Xantervit è proprio specifica per la replicazione cellulare.

    Posso usare questo prodotto o ve ne sono altri più idonei per far si che non mi rimanga il velo? ( per precisione devo dirgli che la seconda volta che sono stato il pronto soccorso il medico non era ha conoscenza che il prodotto che avevo usato era lo Xanternet.

    Grati di una vostra attenzione per il servizio che offrite
    Le porgo i migliori saluti

    Gabriele




  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 876 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2001
    Gentile Gabriele,

    Anche Xanternet o Xantergel possono favorire la regolare ricrescita dell'epitelio corneale. Consiglierei, inoltre, di utilizzare dei blandi cortisonici per limitare la formazione di cicatrici corneali, che potrebbero lasciarle qualche pregiudizio visivo.

    In bocca al lupo,
    Antonio Pascotto



  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 778 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2004
    GENTILE Gabriele,
    mi permetta invece di suggerirle una consultazione specialistica oculistica proprio con il bravo collega dottor Antonio Pascotto, che riceve anche nella sua città.
    Buon Anno
    SUO PROF LUIGI MARINO



  4. #4
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Gentilissimo Dott. Pascotto

    nel rigranziarla di cuore per la celerità dell'attenzione rivolta al mio problema, vorrei approfittarne per chiederle due cose ancora :

    -quale tipo di crema cortisonica mi consiglierebbe da associare allo Xanternet'

    - tutto ciò basta a risolvere il problema del leggero velo di offuscamento?

    Grazie ancora per l'immensa gentilezza

    e congratulazioni per il servizio che ci offrite

    Gabriele




  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 876 Medico specialista in: Oculistica

    Risponde dal
    2001
    Caro Gabriele,

    Provi per una settimana Etacortilen collirio al mattino ed alla sera. Se il fastidio dovesse rimanere, meglio farsi ricontrollare.

    Saluti!


    Per Luigi:
    Grazie per la stima, sono stato onorato di visitare la tua cara nipote.

    A presto!



  6. #6
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Di nuovo grazie di tutto!
    e della celerità delle vostre risposte.



  7. #7
    professionista non più iscritto (id: 46841)
    Caro paziente,
    la xantopterina e la placenta umana sono storici riepitelizzanti corneali(lo xantervit è consigliabile antibiotico pom.oft.)
    Il problema delle schegge metalliche è che spesso producono ,per ossidazione,una degenerazione corneale per diffusione intrastromale dell'ossido di ferro ovvero della ruggine.Tasle ruggine va molto più in profondità dellascheggia primaria,è molto più difficile rimuoverla e a volte non la si rimuove.
    Bisogna sapere,a prescindere dalla terapia farmacologica topica,che tipo di interessamento corneale ha .
    DR DUILIO SIRAVO
    http://www.baab.it/siravoduilio_/
    http://www.medicitalia.it/siravoduilio

  8. #8
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Nel ringraziarLa per la disponibilità e le sue indicazioni sulla Xantopterina Le porgo i miei migliori saluti!



  9. #9
    professionista non più iscritto (id: 46841)


Discussioni Simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 05/03/2008, 10:38
  2. Indicazioni specialista
    in Oculistica
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27/09/2007, 16:57
  3. Blefarite 2 -il ritorno
    in Oculistica
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04/05/2007, 17:50
  4. Corpo mobile vitreale os
    in Oculistica
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 14/11/2008, 17:51
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25/11/2008, 17:30
ultima modifica:  14/04/2014 - 0,11        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896