Utente 161XXX
Salve!
Vorremmo un consulto circa la situazione di mio marito.
Premetto che é stato operato a 23 anni di criptorchide e ad ottobre 2010 di varicocele di III grado (presente già in un eco del 2004).
Prima dell'operazione a 23 anni aveva una situazione di volume 3,1 cc, numero nemaspermi 24 milioni; motilità in piena attività 8%, in buona attività 14% da scarsa a buona 18% minimo movimento 12% immobili 48%; forme normali 79, appuntite 3, arrotondate 5, teste e code doppie 2, teste ipo-ipertrof 7, teste amorfe 4 vitalità dopo 2h 32%, progressione lineare 7mm/30;
ad oggi volume 3 ml spermatozoi 200 mm3, round cells 300 mm3, leucociti 100 mm3; conta totale degli spermatozoi dotati di motilità progressiva 144.000
Totale tipo a tipo b tipo c immobili
dopo 45’ 35 4 20 11 65
dopo 120’ 24 0 14 10 76
dopo 180’ 20 0 8 12 80
spermatozoi normali 6, irregolarità nella testa 72, irregolarità nidpiece-coda 2, irregolarità di entrambi 20 test all’eosina : spermatozoi vitali 82%
Testosterone libero 8,60 pg/ml met RIA, Testosterone 5,07 ng/ml met CLIA, Prolattina 2,6 ng/mL met CLIA.
Abbiano notato però che qualche anno fa, quando ha assunto carnitene e zibren , la situazione in appena due mesi è cambiata
conta degli spermatozoi da 2.100 ml a 750.000 ml,
conta totale da 7.350 a 2.250.000 per eiaculato
cellule epiteliali da 100.000 ml a 650.000
emazie da 1.000.000 ml a 340.000 ml
cellule spermatogeniche da 80.000 per ml a 10.000 per ml
leucociti da 2.350.000 per ml a 7.500.000
e ne ha beneficiato anche la mobilità e le morfologia.
Ora ci domandavamo: potrebbe assumere nuovamente carnitene e zibren? In che dose, modalità e forma? (non possediamo + la ricetta dell'andrologo).
Certamente non speriamo in miracoli, tant'è che siamo in lista per la ICSI.....
attendiamo con ansia Vs. pareri.
Grazie


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

fatta la premessa che da questa postazione non si può dare o confermare alcuna terapia, vi invitiamo , senza perdere altro tempo prezioso, a risentire il vostro andrologo e con lui rivalutare per bene la situazione di suo marito e studiare una possibile corretta terapia di appoggio ad una ICSI già programmata.

Se desidera poi avere informazioni più dettagliate sull’utilizzo delle tecniche di riproduzione assistita, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/215-fecondazione-vitro-icsi-svolgono-avviene-laboratorio.html .

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Utente,lo spermiogramma e' fortemente deficitario e non credo che la terapia proposta serva a migliorarne i parametri.Mi sembra singolare come non sia stato eseguito il dosaggio dell'FSH e dell'inibina b,spie del danno testicolare...Inoltre e' necessario uno studio di genomica molecolare (AZF e CFTR),nonche' l'analisi del cariotipo.Suo marito e' seguito da un andrologo decidato o e' il solo ginecologo a prendersi in carico la coppia?Cordialita'.
[#3] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Egregi dottori,
grazie mille per le risposte.
Il motivo per cui non abbiamo posto questo quesito al suo andrologo è perchè abbiamo "trovato" i risultati degli esami post carnitene e zibren solo pochi giorni fa, e l'andrologo che lo segue dista parecchi km da dove risiediamo.
Quando abbiamo programmato la ICSI che faremo a fine gennaio, abbiamo anche chiesto alla specialista che ha visionato tutti i nostri esami, ma non si è sbilanciata (forse perchè non è andrologo?).
Per quanto riguarda gli esami: ha eseguito tutte le analisi compreso microledezione del cromosoma Y, cariotipo, ricerca fibroci cistica.
Ecco alcuni dei valori degli esami
FSH 8,93 mUi/ml metodo ELFA, LH 5,29 mUi/ml metodo ELFA, Testosterone libero 8,00 pg/ml metodo radioimmunologico, Prolattina 15,51 ng/mL metodo ECLIA, DHEA 6,1 ng/dl metodo immunoenzimatico, Delta 4 Androstenedione 170 ng/dl metodo radioimmunologico, SHGB 60,0 mmoli/I metodo radioimmunologico
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene ora, senza furie eccessive, risentite il vostro andrologo che ci sembra ben informato.
[#5] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Scusatemi se Vi disturbo ancora, ma notavo che l'inibina b mio marito non l'hanno mai prescritta..........
Inoltre dagli esami risulta sia il testosterone libero basso, oltre che da diversi anni possiede l'acido urico con valori alti: ad ottobre 2011 11,18 mg/dL metodo ENZIMATICO URICASI; infine dallo spermiocoltura è risultato escherichia coli e staphylococcus aureus sensibili a: amox/k clav, ampicillina, ciprofloxacina, fosfomicina, gentamicina, levofloxacina, tetraciclina, trinet/sulfa.
Nell'ultima visita gli è stata prescritto il salovit:potrebbe essere questa la terapia di appoggio alla ICSI?

Grazie
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...in previsione di una ICSI la competenza di un andrologo con certificate esperienze nel campo della fisiopatologia della riproduzione e' esiziale.aIl testosterone libero e' difficilmente dosabile,quindi il valore e' poco attendibile.Non credo che la terapia prescritta sia decisiva,puntando ad una ICSI.Cordialita'.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

Di tutte le notizie cliniche che ci ha indirizzato, l'unica degna di attenzione e' la spermiocoltura che sembra positiva e quindi risenta il suo andrologo per valutare, se non ancora fatto, l'opportunita' di una eventuale antibioticoterapia, vista l'incombente ICSI.

Un cordiale saluto.
[#8] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dott. Beretta per il temo che ci sta dedicando.
Per il risultato della spermiocoltura, il medico di famiglia ci ha consigliato di aumentare a 10 gg l'assunzione di Augmentin ch stava prendendo per un problema ai denti.
Fra pochi gg ripeteremo l'esame per vedere se ha risolto.
Nel frattempo, l'endocrinolgo (non andrologo) a causa del valore alto dell'acido urico elevato gli ha prescritto il zyloric per due mesi: secondo lei può assumerlo sapendo che a fine gennaio ci sarà l'icsi?
Saluti e buona domenica.
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

prima di iniziare la terapia con l'Allopurinolo (Zyloric), sentite anche il vostro andrologo.

Detto questo poi i rischi di alterare la qualità del liquido seminale con le dosi generalmente consigliate di questo farmaco sono molto bassi.

Ancora cordiali saluti.
[#10] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Egregi dottori,
ci rivolgiamo nuovamente a Voi perchè abbiamo qualche dubbio circa la cura che ci ha prescritto il medico di famiglia.
Mio marito ha rieseguito la spermiocoltura (in un centro diverso dal precedente)ed è risultato sempre escherichia coli sensibile a: acido nalidixico, amoxicillina/clavulanato, ampicillina, cefalotina, cefepime, cefotaxima, ceftriaxone,ciprofloxacina,cloramfenicolo, gentamicina, levofloxacina,meropeneme, norflozacina,ofloxacina.
Il problema è che a seguito di un rapporto non protetto ho iniziato ad avere anche io problemi di bruciore quando faccio pipì ed urina leggermente rossa.
Visto che a metà dicembre inizio la stimolazione per la ICSI, è il caso di assumere qualche antibiotico?
Il nostro medico di famiglia ci ha consigliato di assumere entrambi per altri 10 gg augmentin, seppure precedentemente non ha sortito gli effetti desiderati.
Grazie
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma lei ha fatto almeno una urinocoltura di controllo?
[#12] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara signora,

ho l'impressione che la ICSI sia l'unica vera scelta per cercare di avere una gravidanza.
E' antipatico intervenire a posteriori ma non ritengo corretto prospettare soluzioni terapeutiche concrete ad un soggetto con grave oligospermia, operato per testicolo ritenuto e varicocele, oltretutto con farmaci aspecifici che mai riusciranno ad aumentare il numero di spematozoi prodotti dei testicoli.
In previsione della prossima ICSI è opportuno che suo marito curi l'infezione così come dovrebbe fare lei
tanti auguri e ci tenga informati !
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ora senta comunque il suo medico di famiglia e a ruota il suo andrologo e poi ci aggiorni, se lo desidera.