Utente 225XXX
Buonasera.
Vorrei gentilmente chiedere pareri in merito ad una situazione che mi sta provando parecchia ansia.
Premetto che la mia situazione dentale non è delle migliori. Qualche anno fa mi sono state accertate dal dentista diverse carie. Per farla breve, mi è stato dapprima devitalizzato un dente, che non avendo poi coperto è caduto. Mi è stato poi asportato un altro dente. Ed infine, a seguito di carie, mi fu otturato uno degli ultimi denti inferiori sul lato destro per rimuovere la carie. Avrei dovuto coprire dente, ma anche in questo caso non l' ho fatto. E me lo porto bucato da alcuni anni. Ho avuto forti dolori, e frequenti sanguinamenti quando lavo i denti tuttora. Il problema per il quale vorrei chiedere consulto, è che da parecchio ormai ho notato al tocco delle dita, una tumefazione sotto la mandibola...come un nodulo palpabile insomma, e credo che sia in corrispondenza di questo dente. Se lo premo mi sembra di sentire una pressione vicino al dente. Ma ripeto. Non sono sicura si trovi esattamente sotto di esso. Vorrei sapere di cosa potrebbe trattarsi. Sono molto in ansia, perchè temo in qualche cosa di peggio. Potreste gentilmente dirmi di cosa possa trattarsi, ed eventualmente consigliarmi a chi rivolgermi?
[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
la lesione potrebbe essere l' esito di una infezione cronica ma, è assolutamente necessaria una visita urgente presso il suo dentista per valutazioni sia radiologiche che cliniche. Non perda ulteriore tempo.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore, grazie per la sua risposta.
Dubito che il dentista domani lavori visto che è festa.
La prego di spiegarmi cosa intende per infezione cronica. Vorrei sapere cosa potrebbe essere esattamente. volevo aggiungere che la pallina che sento mi sembra mobile, ma non dolorosa. Mi dia un parere sincero. Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi se disturbo ancora, ma vorrei chiedere se per caso potrebbe trattarsi di un granuloma , conseguente ad un ascesso non curato.
Se così fosse, considerando che la "pallina " ce l' ho da parecchio tempo, l' infezione potrebbe essersi estesa a qualsiasi altro organo, o provaco altri danni seri per la salute? IN quale caso, il dentista potrebbe propormi ulteriori analisi o esami per vedere i danni provocati dall' infezione? Se si, quali? La prego di dirmi sinceramente quanto è alto il rischio che tutto ciò possa essere ricollegato ad un tumore.
Attendo fiduciosa una risposta. Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
C'è una differenza tra una tumefazione e una pallina non dolorosa e mobile . Allora se
lei parla di
'una tumefazione sotto la mandibola...come un nodulo palpabile insomma, e credo che sia in corrispondenza di questo dente'
ma intende
'la pallina che sento mi sembra mobile, ma non dolorosa'
in questo secondo caso può benissimo trattarsi di un linfonodo una ghiandola immunitaria spesso presente al bordo della mandibola.
Le consiglio comunque una visita dal dentista per eliminare qualunque dubbio appena possibile.
Cordialità
[#5] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
MI scusi se non sono riuscita a spiegarmi bene.
Il fatto è che si trova proprio in corrispondenza di questo dente otturato. Se tasto con un dito solo sento come un indurimento. Se invece metto il resto delle dita sopra l'osso per la mandibola e con il pollice faccio maggior pressione e lo esploro mi sembra di sentirlo muoversi sotto il dito.
So che la mia spiegazione risulta poco chiara, ma non so davvero come meglio descrivere.
Comprendo anche che l' unico modo per togliermi il dubbio e sapere di cosa si tratta sia andare dal dentista.
Per cui non la disturbo ulteriormente.
Le farò sapere l' esito della visita non appena l' avrò fatta.
Saluti.












[#6] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore.
Sono di nuovo qui per aggiornarla sulla mia situazione.
Allora..giovedi 3 ottobre mi sono recata di corsa dal dentista, che mi ha palpato il nodulo (dicendo che fosse un linfonodo) e ha osservato la mia situazione dentale.
Mi ha detto che ho una bella infezione al dente bucato, e che molto probabilmente la causa del linfonodo ingrossato è quella. Mi ha prescritto la radiografia dell arcata dentaria, dalla quale si è riscontrata la presenza di una grave infezione intorno al dente citato.
Il dentista mi ha fatto fare cinque giorni di antibiotico con augmentin e poi me lo ha estratto.
Nel frattempo avevo notato la presenza anche di un altro linfonodo sotto l' orecchio, e gliel'ho fatto presente.
Lui mi ha detto di di solito il linfonodo si gonfia laddove ci sta l' infezione, ma dato che il corpo umano è "complicato" può anche darsi che si siano gonfiati anche altri linfonodi del collo.
Mi ha detto di aspettare e vedere se questi linfonodi regredivano, e se dopo una ventina di giorni vi erano ancora, di tornare da lui per escludere in primis cause dentali, e per farmi consigliare da lui su ulteriori accertamenti per diagnosticare l' origine di questa infezione senza fare esami inutili.
Io il giorn stess ho fatto un ecografia al collo. Mi sono stati riscontrati vari linfonodi al collo, il medico che me l ha fatta ha detto che sono di tipo infiammatorio, quindi nulla di grave.
Gli ho chiesto se era il caso di fare ulteriori accertamenti per capire la causa di questa infezione, ma lui ha detto che non è assolutamente necessario.
A 5 giorni dall' estrazione del dente, il linfonodo sotto la mandibola e quello dietro l'orecchio non mi sembrano cambiati.
Vorrei chiederle un parere in merito a questa situazione.
Volevo sapere se è possibile che sia stata l' infezione al dente (mi hanno specificato che era un infezione seria) a far ingrossare i vari linfonodi del collo?!
Siccome sono molto confusa, quali accertamenti dovrei eseguire per capire cosa ha causato l' infezione? Oppure dovrei fare delle analisi del sangue?
Confido in una sua risposta.
[#7] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
I linfonodi che lei descrive possono attivarsi in seguito di infezioni del cavo orale ma anche di anso orecchio e seni mascellari.
I linfonodi si possono ingrossare da bambino e rimanere tali nell' adulto (più grandi) la cosa importante è il dolore: se fanno male c'è qualcosa che non va , oppure se si ingrandiscono nel tempo.
Avendo escluso con l'ecografia condizioni diverse da quelle infiammatorie può richiedere un ulteriore visita dentistica od otorinolaringoiatrica per sua tranquillità.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Quindi dottore, il fatto che siano di tipo infiammatorio, dovrebbe escludere patologie gravi? posso stare tranquilla in questo senso?