Utente 192XXX
gentili dottori,
qualche giorno fa ho richiesto una specifica a questo consulto, ma non ho avuto risposta.
http://www.medicitalia.it/consulti/Ginecologia-e-ostetricia/244966/Concepimento

mi sapete dire la posologia dell'hormeel?
i miei cilci da giugno ad oggi sono stati di 32, 29, 28,31 e 25 giorni.
ad gosto ho fatto anche il monitoraggio delle TB, a ottobre gli stick che hanno rilevato l'ovulazione verso il 9 giorno dipo il ciclo, e ora pensavo di associare tb e stick.
sto assumendo da ieri anche l'ignatia, ma volevo maggiorii spiegazioni sulla posologia di entrambi i farmaci.

mi potete aiutare? da giugno ho iniziato con al ricerca di un figlio , che ormai sta diventando un chiodo fisso. ho 35 anni e ho paura di essere ormai vecchia....

grazie a chi mi vorrà rispondere
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
la posologia dei farmaci è parte integrante di una prescrizione medica e ciò vale per i farmaci convenzionali e per quelli omeopatici. La quantità e la frequenza di somministrazione devono essere decise in modo individuale. Le consiglio pertanto di affidarsi ad un medico esperto in omeopatia che possa visitarla e consigliarla in modo opportuno.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
dottore grazie per la risposta.

ma allora dovrei sospendere l'assunzione delle gocce e dell'ignatia?

mi possono fare male? perchè è la prima volta in vita mia che il ciclo non è più regolare, mai addirittura di soli 25 giorn, possono essere state le gocce?

grazie ancora

e la dottoressa diceva che male non facevano e si potevano assumere anche in gravidanza, non è così allora?

grazie
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
no. Non possono farle male.

La variabilità del ciclo mestruale dipende dal ritmo ormonale e l'intento della terapia con farmaci omeopatici complessi, come quello citato, è quello appunto di "regolare" l'attività ormonale. Il "vantaggio" della terapia omeopatica è che non è possibile alterarlo in senso patologico. Quindi stia pur tranquilla che non riporta danni.

L'aspetto che ho voluto sottolineare è, invece, l'obiettivo che si desidera dalla terapia: perché una terapia (omeopatica o non) sia efficace non è sufficiente assumere dei prodotti come si fa con degli integratori alimentari, ma è necessario che il medico al quale si rivolge indirizzi (prescriva) i farmaci individualmente, dopo averla visitata e aver studiato il suo caso.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 192XXX

Iscritto dal 2011
grazie dottore, ho capito la sua spiegazione e la ringrazio