Utente 535XXX
Gentili Dottori,
mio marito (40 anni) ha fatto un primo esame per la fertilità da cui è risultata una fluidificazione incompleta, consistenza aumentata e spermatozoi immobili per il 96%.
Dopo 2 mesi di terapia con fertiplus, argininaQ10 e fluimucil, l'analisi del liquido seminale ha dato questi risultati:
ph=7.4
Volume=3.3
Fluidif.= completa
Viscosità= lievem. aumentata
Agglutinazioni, Emazie,Leucociti,Cristalli = Assenti
Cell. epiteliali e spermatogenesi = rare
Num. sperm. = 19milioni/ml
Num sperm. per eiaculato = 62.7milioni
Motilità classe a = 9%
Motilità classe b = 2%
Motilità classe c = 1%
Immobili = 88%
VSL=52micron/sec
VCL=89micron/sec
ALH=3.7 micron
Spermatozoi normali = 30%
Io ho 36 anni, ci hanno consigliato la fecondazione assistita. Mi chieevo se esistono altre terapie per migliorare la fertilità del seme o quanto meno per aumentare la probabilità di successo della fecondazione assistita.
Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice,
indubbiamente il liquido seminale di suo marito mostra carAtteri di scarso numero e motilità tali da rendere probabile il dover ricorrere alle procedure di Fecondazione Assistita.
Prima , però, io mi farei visitare da un andrologo, farei le indagini di base e valuterei se ci siano gli estremi per ritenere possibile una terapia della o delle cause che alterano o hanno alterato il liquido seminale.
Il tutto potrebbe richiedere poche settimane dopo di che la decisione di ricorrere alla Fecondazione ASSISTITA POTREBBE ESSERE PRESA PIù SERENAMENTE E CONSAPEVOLMENTE
CARI SALUTI
[#2] dopo  
Utente 535XXX

Iscritto dal 2008
Grazie molte, saluti cordiali.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
anch'io condivido le corrette considerazioni fatte dal collega Pozza.
La prima cosa da fare a questo punto è una attenta valutazione diretta della sua situazione clinica da parte di un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org