Utente 227XXX
Buongiorno,dopo un periodo nel quale ho preso il treno per molte ore a settimana,ho iniziato ad avere distrubo all'osso sacro.Alla fine per il dolore sono dovuta andare in pronto soccorso dove mi hanno detto che avevo questi 'residui' infiammati e mi hanno dato antibiotico per due settimane,senza però operarmi.Da quella volta dopo un po' è tornato a farmi male ma siccome non era infiammato ma solo livido il dottore mi ha detto che non potevo operarmi.E quando la opero allora??se è infiammata no,se non lo è,neanche..!
è passato altro tempo e praticamente lotto spesso con questo problema,non come prima..se sto qualche giorno in più a letto mi duole la parte e si forma il livido,vivendo con un tormento..ora il mio dubbio è:cosa è meglio fare?lascio così,continuando nell'incertezza oppure mi opero e rischio il dolore dell'operazione più ricaduta?qual'è la cosa migliore da fare?
grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile Utente, la terapia della cisti sacro coccigea è chirurgica e quindi le consiglio l'intervento in fase di quiescenza, così potrà essere tentato anche un intervento con chiusura diretta con i punti.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 227XXX

Iscritto dal 2011
quindi è meglio intervenire che portarla avanti...la ringrazio del consiglio.
il problema ora è capire perchè il chirurgo dell'ospedale non voglia intervenire se non in fase 'acuta'..!
anche mia madre si è chiesta quando hanno intenzione di operarmi se mi rimandano a casa sia quando è infiammata,sia quando non lo è..