Utente 223XXX
Buongiorno Gentili Dottori,

mio padre ha effettuato questa mattina un ecg su consiglio del medico.
Da questo è risultata una fibrillazione atriale con risposta ventricolare rapida.
I battiti erano 118.
Mio padre ha 62 anni,fuma molto,soffre di ipertensione, glicemia alta, per questo assume farmaci da molti anni. Purtroppo è una persona che non fa quasi mai controlli, in particolare per il cuore non si è mai sottoposto a visite accurate.
Martedì ha appuntamento con il cardiologo, ma io non sono tranquillo.
Vorrei sapere se la cosa riscontrata è grave anche perchè il fatto di aspettare fino a martedì per la visita mette me più che lui in grande ansia. Fosse per me lo porterei al pronto soccorso anche se effettivamente lui non sembra accusare alcun sintomo.

grazie mille

cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
se la fibrillazione atriale è di recente riscontro, in effetti sarebbe meritevole un eventuale ricovero ospedaliero per tentare una cardioversione e comunque accertarsi la causa dell'aritmia, indipendentemente dai sintomi.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 223XXX

Iscritto dal 2011
Dott., la ringrazio molto per la Sua risposta.
Per un ricovero bisogna andare dal medico per farselo prescrivere o ci si reca in ospedale con l'esito del cardiogramma?

grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Basta andare al p.s.