Utente 228XXX
Buongiorno, mio figlio di 9 anni è stato punto quest'estate su un avambraccio da un insetto (zanzara?) ed ha avuto una reazione allergica con l'infezione che si è estesa fino all'ascella, ultimamente è stato punto dietro all'orecchio e anche in questo caso la reazione allergica è stata molto forte. In entrambi i casi è stato curato con antibiotici e nell'ultimo caso anche con cortisone. Ci è stato consigliato di fare gli esami del sangue per evidenziare eventuali allergie, sono stati fatti ieri ma abbiamo notato che sulla richiesta per il laboratorio, tra i vari insetti riscontrabili (ape, calabrone, ecc) non sono presenti le zanzare e molti altri possibili insetti responsabili. Dato che soprattutto d'estate per tutte le attenzioni che si possono avere non si può escludere di essere punti, come ci possiamo comportare se effettivamente il bambino risultasse negativo alle allergie riscontrabili dall'esame e fosse davvero allergico alla puntura di zanzare o altro? Non esiste un esame che possa confermare l'allergia alla zanzara o un vaccino? Grazie dell'attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Se si trattasse di linfangite ad esempio, basandosi su quano scritto, non vedo il nesso con le allergie; fra l'altro le zanzare e affini non provocano allergie; gli unici insetti volatili di questo genere a farlo sono gli imenotteri e specificamente il loro veleno.

Direi che si potrà fare sicura chiarezza recandosi dal dermatologo.

saluti