Utente 531XXX
Buonasera, ho 43 anni e da circa 2 ho difficoltà all'erezione, anche durante i preliminari. Quando poi riesco a raggiungerla, la nuova difficoltà è mantenerla, a volte la perdita di erezione avviene anche durante il rapporto. Ho provato ad usare Levitra da 20, ma il problema migliora leggermente. Soffro di pressione alta per la quale mi curo da circa 3 anni. Ho fatto una visita andrologica e una serie di analisi dalle quali non risulta niente di significativo, però il problema persiste.
Sono sposato da circa 20 anni ma da 2 ho un'altra donna ed è proprio perchè non riuscivo ad avere un'erezione con quest'ultima che mi sono reso conto del problema.
Grazie per i consigli che vorrete darmi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la disfunzione erettile é certamente più frequente in un Paziente iperteso e,magari,dislipipdemico e/o fumatore etc..Non ci dice che analisi ha praticato e,di conseguenza,che diagnosi ha posto l'andrologo che l'ha seguita.A queso punto Le consiglierei di aggiornarci circa gli esami praticati e,in caso di diagnosi favorevole,contattare anche uno psicosessuologo,in quanto ho l'impressione che due anni siano davvero troppi per non riuscire a chiarire il disagio sessuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Caro Utente,
la sua situazione andrebbe indagata sia da un punto di vista andrologico che metavolico, per tanto le consiglio sia sottoporsi a visita andrologica con evenmtuali approfondimenti diagnostici, ma anche di uno screening metabolico per evidenziare eventuali concause a tale disfunzione
cordiali saluti
Dott. Giuseppe Quarto
www.prevenzioneprostata.com
[#3] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera e grazie dell'attenzione prestatomi. Questi sono i valori delle analisi che l'andrologo mi ha fatto eseguire:

Glucosio 123 mg/dl ( 55 - 110 )
AST (GOT) 21 u/l
ALT (GPT) 22 u/l
esame urine completo nessuna alterazione
PSA Totale 1.0 ng/dl
PSA Libero i valori di PSA tot non giustificano l'esecuzione del PSA libero
prolattina 20 ng/ml
ormone follicolostimolante 3.7 mUI/ml
ormone luteostimolante (LH) 3.0 mUI/ml
estradiolo 18 pg/ml
testosterone 6.1 ng/ml
T-FREE 7.3 pg/ml ( 9.0 - 60.0 )

ecografia prostatica t.r. + ecografia scrotale:
area di addensamento fibrocalcifico lobo dx esito probabile di prostatite. varicocle bilaterale grado 2 dx e 3 sx

L'andrologo, non mi ha ancora fatto una diagnosi, limitandosi a una cura antibiotica per prostatite e il consiglio di tenere sotto controllo la glicemia (cosa che ho sempre cercato di fare).
La cura che faccio per l'ipertensione, è la manidipina cloridrato 5mg.
Non ho mai fumato e non bevo.

Ringraziando per il parere che vorrete darmi, cordialmente saluto
[#4] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
L'andrologo che la sta seguendo le ha correttamente indicato di tenere sotto controllo la glicemia , in quanto il diabete può essere una causa di disfunzione erettile e spesso quest'ultima si manifesta anni prima della slatentizzazione di uno scompenso glico-metabolico. Per il resto gli chieda di consigliarle uno psicosessuologo di fiducia in quanto le cure mediche risultano indubbiamente più efficaci quando supportate dall'aiuto psicologico.
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
caro utente, apparentemente i suoi esami glicemia eccetto sembrano nella norma, io personalmente oltre alla glicemia aggiungerei un ecocolordoppler dinamico per valutare la presennza di un evebtuale problema vascolare.
cordiali saluti
dott. Giuseppe Quarto