Utente 147XXX
Gentili dottori, mio marito 36 anni, gli è stato riscontrato tramite un ecocardiografia transesofagea un aneurisma del setto interatriale con bulge a sx e pervietà del forame ovale, minimo shunt sx-dx.
Questo esame gli è stato eseguito perchè negli ultimi 2 anni intensificando l'attività fisica (bici da corsa e piccole maratone) gli capita a volte di doversi fermare per giramenti di testa come se stesse per svenire nonostante si alimenti adeguatamente durante gli sforzi fisici, dopo una decina di minuti di riposo è pronto per ripartire. Un primo consulto di un cardiologo gli ha detto di rifare un controllo tra 3 anni e di continuare pure con l'attività fisica, un secondo cardiologo gli ha detto di non aspettare e di fare subito un piccolo intervento. Dopo 2 consulti così discordanti si è un po' disorientati, io vorrei per tranquillità che si facesse fare subito questo piccolo intervento ma mio marito, vorrebbe aspettare il prossimo controllo (tra 3 anni) e vedere se peggiorerà.
Dottori scusate ma secondo voi cosa consigliereste di fare, contando il fatto che mio marito l'attività fisica non intende moderarla, lui pensa che tanto come gli vengono i giramenti di testa dopo qualche minuto passano e può ripartire come prima.
Grazie e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'indicazione ad un eventuale intervento chirurgico sulla scorta delle brevi notizie dateci sembrerebbe abbastanza opinabile nel caso di suo marito e comunque i controlli ecocardiografici e soprattutto un test da sforzo andrebbe effettuato almeno ogni anno. E' poi in terapia con antiaggreganti? Utile una valutazione di un centro specialistico universitario o comunque di una struttura ospedaliera dotata di emodinamica.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottore, il test da sforzo l'ha eseguito da poco il che risulta una leggera aritmia, poi questa cosa "MODESTA EXTRASISTOLIA VENTRICOLARE MAI IN FORMA RIPETITIVA" e non è in terapia con antiaggreganti.
Grazie