Utente 967XXX
Salve, vi scrivo per avere delucidazioni in merito a quanto mi è accaduto. Il 20 ottobre, dopo un paio di giorni che avevo la temperatura oltre 40 e un dolore (come una fitta) a destra, più o meno tra il polmone ed il rene, sono andato al pronto soccorso. Mi hanno fatto l'esame del sangue e una rx del torace (2p) con esito: addensamento parenchimale in sede paracardiaca dx, non alterazioni a sn. A questo punto il mio medico mi ha prescritto 8 punture di kocefan (1 al giorno) e 14 compresse di veclam 500mg (2 al giorno). La temperatura mi è passata dopo un paio di giorni, mentre il dolore era rimasto tale e quale. Il 28 di ottobre il mio medico mi fà eseguire una rx del torace (2p) per controllo con esito: al controllo attuale, in comparazione con un precedente esame eseguito il 20/10/2011, appare lievemente diminuito, ma sempre apprezzabile l'addensamento parenchimale paracardiaco dx precedentemente obiettivato. Dopodichè mi viene prescritta un'altra cura antibiotica con tavanic 500mg (1 compressa al giorno per 13 giorni). Oggi è il 13° giorno ed ho effettuato un altra rx del torace (2p), la terza in 21 giorni, con esito: al controllo odierno pressochè completa detersione dell'addensamento basale paracardiaco dx segnalato, nella sede del quale si osserva stria radiopaca. Profili cardiomediastinici nella norma. In questi 13 giorni di cura con tavanic, il dolore non è più come prima, ma ancora non è sparito del tutto, in particolare ho dolore se inspiro a bocca aperta. Nel pomeriggio parlerò con il mio medico, ma vorrei sapere qualcosa da voi in merito a tutto questo. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti
24% attività
4% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Si tratta verosimilmente dell'esito del processo infiammatorio di cui è risultato affetto. Potrebbe provare con degli antiinfiammatori per os che il suo MMG sicuramente può prescrivere.
Grazie