Utente 145XXX
salve dottore innanzitutto la ringrazio per la disponibilità.
Mia madre ha 57 anni. Stamattina abbiamo avuto l' esito della scintigrafia ossea che ha confermato le metastasi, anche se il medico mi dice che non mi può dare la certezza che siano metastasi soprattutto al rachide. Mi dice che dove ha i dolori è sicuro che siano metastasi. Non riesco a capire come sia possibile non essere sicuri di una cosa del genere. Riguardo la radioterapia mi ha detto che si comincia nel caso in cui la chemio non dia nessun risultato, mi ha detto che sarebbe l ultima cosa da fare, oppure se ci fosse tanto dolore soprattutto nell' inguine. Mi ha detto pure che sarebbe una cosa palliativa, tanto per ridurre il dolore le chiedo lei come la pensa riguardo a questo?
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

difficile esprimere un parere adeguato non visionando le immagini. In linea generale posso dire che fenomeni di artrosi importante posso gettare nel dubbio rispetto a situazioni metastatiche scheletriche. Il dubbio si può dirimere con RX mirate della colonna. La radioterapia in caso di lesioni scheletriche diffuse trova indicazione come palliazione del dolore ma ahimè non può avere intento risolutivo sulla patologia data la diffusione.

Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
salve dottore scusi l' ignoranza ma al bacino hanno fatto la radiografia, poiche mia madre aveva dolore e non ci sono lesioni ossee e anche dopol'esito della scintigrafia non mi hanno saputo dire niente, quindi in quel caso a cosa è servita la radiografia?quindi se ho ben capito nel caso in cui fossero metastasi si puo fare qualcosa solo con la chemioterapia?ovviamente non si puo intervenire chirurgicamente?la ringrazio sempre tanto
buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

purtroppo senza visionare scintigrafia ed RX non posso esprimere un parere personale. In genere con la combinazione delle due metodiche si riesce a dirimere la natura delle lesioni. Si potrebbe pensare di approfondire ulteriormente con una RM mirata oppure con una TC con finestra ossea. Nel caso in cui ci sia una diffusione metastatica scheletrica in più aree ovviamente l'intervento chirurgico non trova indicazione. In quel caso la terapia farmacologica è la strada migliore. A scopo antalgico palliativo si può impiegare la radioterapia eventualmente coadiuvata da ipertermia (vedi sito www.ipertermiaitalia.it).

Cari saluti
[#4] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
salve dottore,
come dovrei fare per farle vedere la scintigrafia e e la radiografia?comunque l'ipertermia la conosco.Ho portato mia padre circa 2 anni fa in uno studio ed ha eseguito una decina di sedute. Aspetto una sua risposta
saluti