Utente 228XXX
Salve,
sono una donna di 59 anni e a inizio ottobre 2011 mi sono sottoposta a un intervento ortopedico per l'asportazione di un igroma al piede (posto sulla parte superiore del piede dx). Apparentemente un intervento semplice, dal momento che l'igroma non era attaccato ne al tendine ne all'osso. Subito dopo l'intervento (fatto in day hospital da un medico ortopedico) e nei giorni seguenti, ho avvertito un calo della vista e annebbiamento all'occhio destro. Decido di fare la visita oculistica e mi è stata diagnosticata una trombosi retinica. Ora sto facendo degli accertamenti tra cui elettrocardiogramma, ecocolordoppler ai tronchi sovraortici e la fluoroangiografia.
Mi è stato chiesto da un medico cardiologo se prima e dopo l'intervento al piede mi è stata somministrata l'eparina. Confermo che a me non è stato somministrato nulla e sono preoccupata che possa essere stata questa la causa della mia trombosi, visto che non soffro di pressione altissima (è sempre al di sotto dei 140), ma che tengo comunque a bada con le Losazid (assunta anche il giorno dell'intervento).
Vorrei un vostro gentile parere sulla mia vicenda e vorrei sapere quando e perchè l'eparina deve essere somministrata.
Grazie mille in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile signora, dovrebbe specificare se l'intervento è stato eseguito in anestesia locale o spinale, se vi è stata immobilizzazione o meno ,se la mamma ha fattori di rischio oltre la ipertensione .
[#2] dopo  
Utente 228XXX

Iscritto dal 2011
Non ho alcun fattore di rischio oltre l'ipertensione e l'intervento è stato fatto in anestesia totale.
Sono stata a riposo per un paio di giorni, ma trattandosi del piede mi è risultato un po' difficile immobilizzarmi del tutto. Ho cercato di fare quello che faccio sempre (la casalinga) cercando di non forzare il piede, sono rimasta a casa per circa 10 giorni, dunque non ho camminato ne portato l'auto.
Cosa ne pensa?
Grazie
[#3] dopo  
Utente 228XXX

Iscritto dal 2011
N.b. Pur restando a casa per 10 giorni, non sono stata immobilizzata a letto, cercavo comunque di tenere spesso il piede a riposo per via dei punti sulla ferita.