Utente 737XXX
Buongiorno,
mio marito dovrà sottoporsi ad intervento per varicocele sx (anni 35). Ci è stato proposto l'intervento con metodica "tauber". Desidero chiedere alcuni chiarimenti.
Leggendo in internet alcuni articoli in merito alla metodica, mi sono chiesta: ma se la sostanza sclerosante chiude di fatto la vena spermatica dal rene fino al testicolo, di fatto il testicolo viene isolato quindi significa che diventa inutilizzabile? Lo sperma raggiungerà solo il testicolo di dx? Il sangue che passava da quella vena, dopo l'intervento, da dove passerà? Ci possono essere successivi problemi di sbalzi di pressione sanguigna o circolazione? Vi ringrazio per l'attenzione e auguro a tutti Buona Giornata e buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

mi sembra già proiettata verso ansie eccessive e non motivate.

La legatura o scleroembolizzazione di una vena spermatica non chiude le vie seminali e quindi il testicolo non viene isolato.

Lo "scarico" venoso invece avviene attraverso altre vene che vanno all'arto inferiore e quindi con poca od alcuna pressione idrostatica .

Infine nessun problema di pressione e circolazione si presentano dopo una varicocelectomia, qualsiasi sia la tecnica usata.

Comunque, se desidera avere altre informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema andrologico le consiglio di consultare anche l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Cara signora, l'intervento di Tauber consente di eliminare il reflusso venoso, attraverso l'occlusione delle vene refluenti ottenuta mediante mezzo liquido con fase gassosa (sleroembolizzazione). Ovviamente l'occlusione riguarda le vene refluenti e non tutte le vene, altrimenti il testicolo andrebbe incontro ad un infarto congestizio. Il livello di risalita della scleroembolizzazione varia in funzione di vari elementi anatomici, ma difficilmente supera verso l'alto la regione inguinoscotale con questa tecnica. Se l'incicazione è stata posta correttamente , il benefico (eventuale) sulla spermatogenesi riguarderà entrambi i tetsicoli. Nessun problema da attendersi di tipo vasculo-circolatorio, stia tranquilla! Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signotra,
quando un interventio è facile esistonop mille varianti. Il varicocele è fra questi. Tranquilla.
[#4] dopo  
Utente 737XXX

Iscritto dal 2005
Gentile dott. Beretta, in effetti sono di natura abbastanza ansiosa e ammetto anche che non sempre mi è chiara l'anatomia maschile in questo campo. Comunque dopo aver letto la risposta sua e quella dei suoi colleghi sono piu' tranquilla. Vi ringrazio per l'attenzione e per la celerità nella risposta e rinnovo gli auguri di buon lavoro!
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatto il tutto poi ci riaggiorni, se lo desidera.
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
faccia saper se vuole.