Utente 270XXX
Salve,
ho 33 anni e scrivo perchè da un po' di tempo ho dei problemi a livello sessuale. Le mie erezioni non sono più vigorose, nel senso che il pene rimane quasi flaccido anche durante la stimolazione mia o della mia compagna e la penetrazione diventa difficile e non soddisfacente per entrambi in quanto se raggiunta dura solo pochi minuti. A ciò si aggiunge l'eiaculazione precoce, sorta in concomitanza del deficit erettile e ad una quanto mai evidente riduzione della quantità di sperma prodotto. Le erezioni mattutine sono quasi svanite. Sembra quasi che al pene non arrivi il giusto apporto di sangue necessario per rendere il pene turgido e a far si che tale rimanga per il tempo necessario.
So che i quesiti che vi giungono sono molti simili tra di loro, ma, purtroppo, rimangono storie a se stanti. Per ciò vi sarei molto grato se poteste darmi qualche consiglio e esporre il vostro pensiero sulle mie problematiche che, come molto spesso avviene, hanno un certo riflesso sulla vita di coppia.
Grazie a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Crao utente , la sua giovane età e l'assenza di pregressi problemi fanno pensare ad una causa psicologica, ma è importante escludere cause organiche come il diabete o una problematica ormonale . Si consiglia in questi casi di rivolgersi al curante che spesso è in grado di condurre un primo livello diagnostico e di consigliare uno specilitsa di fiducia in caso di necessità.

Cordialità

M Castiglioni
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
se poi desedera avere più informazioni dettagliate su queste tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#3] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio i dottori che hanno risposto al mio messaggio e chiedo loro se, nel caso in cui il mio problema fosse solo di natura psicologica, esistono delle terepie farmacologiche adeguate o se è sufficiente ricorrere ad una psicosessuologo.
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
accertato che il problema è di natura prevalentemente funzionale , psicologica il consiglio è sempre quello di consultare in prima istanza uno psicoterapeuta . Questo passo poi può portare anche ad altre indicazioni terapeutiche ma sempre sotto stretto controllo specialistico.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#5] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore
le consiglio di effettuare un corretto inquadramento diagnostico andrologico prima di qualunque tipo di terapia.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
....e comunque ci oggiorni sulla sua situazione clinica , se lo desidera.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org