Utente 229XXX
Gentili dottori sono una ragazza di 22 anni, celiaca da poco diagnosticata, seguo la dieta aglutinata da 8 mesi, soffro di allergie multiple a pollini, graminacee, acaro della polvere. Da anni soffro di dermatite alle palpebre che si manifesta con gonfiore estremo, secchezza cutanea e squame. La dermatologa che mi ha visitato (la stessa che per prima sospettò la celiachia silente a causa di una transglutaminasi più alta della norma) mi diagnosticò un'orticaria palpebrale da ricondurre a tale patologia e mi indicò una terapia con Bentelan 1 mg (1 al giorno), Kestine 10 mg (1 al giorno), Luxazone pomata oftalmica (2 applicazioni al giorno) e naturalmente accertamenti relativi alla celiachia. Dopo 8 mesi di dieta non ho notato miglioramenti significativi nell'orticaria così ho ritenuto opportuno rivolgermi ad un allergologo per effettuare una panoramica completa sulle allergie, i risultati sono stati quelli espressi in precedenza, ma l'allergologo mi ha parlato piuttosto di eczema palpebrale. La terapia consigliata dall'allergologo è la seguente: Protopic 0,1% (2 applicazioni al giorno per 7 giorni, 1 applicazione al giorno per ulteriori 7 giorni), Zirtec (da prendere solo se l'allergia si manifesta con maggiore severità). Mi ha inoltre lasciato la facoltà di ripetere la terapia all'occorrenza per 2/3 giorni. Volevo chiedere: è indicata quest'ultima terapia? Ho letto che Protopic ha numerosi effetti collaterali e inoltre sono stati riportati dei casi di tumori maligni e linfomi a seguito del suo utilizzo, posso usarlo tranquillamente per brevi cicli di terapia? Oppure era più indicata la terapia della dermatologa? Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
BARCELLONA POZZO DI GOTTO (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Rifaccia il punto della situazione, curi l' alimentazione per la celiachia e controlli anche i farmaci che prende se non contengano glutine, a volte basta un nulla per mantenere una situazione reattiva senza accorgersene.
Riguardo le allergie bisogna attentamente valutare quali sono e se vi sono reazioni crociate tra pollini e alimenti. Riguardo i farmaci, la risposta ad un antistaminico è anche soggettiva ma sempre antistaminico è.
Nel caso di questo eczema palpebrale invece, è un eczema palpebrale?

I limiti dei consulti online sono questi, di non poterlo vedere.