Utente 229XXX
Salve,
ho 35 anni e da sempre soffro di eiaculazione precoce; vivo un rapporto stabile ormai da tempo visto che sono sposato e quindi per questo ho sempre pensato che l'ansia da prestazione non poteva essere la causa del problema e allora ho cercato da solo di risolvere la questione e ho acquistando in un sexy shop uno spray anestetizzante a base di lidocaina e per fortuna ha funzionato.Riesco a durare anche 15 minuti,ma adesso per paura di creare qualche problema al pene (allergie o varie) sto evitando di usarlo,ma questo sta creando una serie di complicazioni nel mio rapporto in quanto mia moglie sembra un pò insoddisfatta e questo mi crea frustazione.Quello che vi chiedo è: esiste una terapia farmacologica definitiva o chirurgica per l'eiaculazione precoce dovuta all'ipersensibilità del glande?
Adesso mi sono deciso ad intervenire se c'è qualche possibilità e chiedo un consiglio agli esperti.
Premetto che all'età di 18 anni sono già stato operato di fimosi e quindi non ho nessun problema a scoprire il glande. Grazie in anticipo e scusate la lungaggine del discorso.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

le strategie per trattare l'eiaculazione precoce sono più di una, e vanno adottate in base alla specifica natura del problema. In pratica, le consiglio una visita andrologica diretta per meglio caratterizzare il suo caso, per visitarla e di conseguenza per stabilire la terapia più adatta a lei.
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta,
avevo letto di una possibile circoncisione e/o neurotomia e quindi per questo chiedevo vostri pareri.
Devo decidermi a contattare un Andrologo. Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Caro signore , la circoncisione non una terapia riconosciuta per l'EP. Riguardo alla neurotomia selettiva, si tratta di una procedura che non è molto praticata nel nostro paese. La ragione di ciò sta nel fatto che togliere sensibilità al glande attraverso la sezione di alcuni nervi è facile ma l'intervento non è finemente regolabile. Il breve: si rischia di togliere troppa o troppo poca sensibilità. In entrambi i casi il paziente non è soddisfatto. Per tale ragione la neurotomia selettiva non è una terapia unanimemente condivisa e non è inserita nelle linee guida per l'EP. Al Suo posto tornerei alla desensibilizzazione anestetica. Mi pare abbia avuto un buon successo e non mi sembra il caso di rinunciarvi per un problema ipotetico (che potrebbe non presentarsi mai). Comunque, senta un andrologo de visu. Penso abbia bisogno di una buona chiacchierata con un professionista in carne ed ossa. Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie dottor Conti,
in effetti navigando in internet, sono pochissimi i suoi colleghi che consigliano un intervento chirurgico per l'EP ma comunque vedo che esiste questa possibilità;anche se come Lei dice non condivisa.Purtroppo come ogni persona, ho cercato di darmi una risposta da solo e vedendo che con lo spray ottenevo risultati, pensavo che l'intervento di desensibilizzazione fosse l'unica via praticabile.
Ora cerco un Andrologo della mia zona (NA) che mi possa aiutare a capire sperando nella risoluzione definitiva.Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Bene. Se crede, per cercare uno specialista nella Sua zona di residenza può utilizzare il tool di questo portale o la mappa andrologica del sito della Società Italiana di Andrologia. Cordiali saluti