Utente 354XXX
Salve Gentili Dottori,
Vi scrivo con un po' di ansia, perche' mia mamma di anni 69 ha scoperto (CON SORPRESA!) 1 mese fa' tramite ITER PREOPERATORIO per una operazione al piede di avere dei valori sballati di S-AST (91) e S-ALT (144).
Cosi' il medico l'ha inviata a fare degli accertamenti per l'HCV, e' risultata positiva al genotipo 2, con un valore di HCV-RNA pari a 683695 Ul/ml.
Domani deve recarsi a fare una ecografia al fegato, quello che vi chiedo io e' se mi date qualche indicazione sul problema...e' una cosa grave? ha un tumore? secondo voi come dobbiamo muoverci? ho letto di alcune cure con interferone...si potrebbero fare?
Mia mamma riferisce spesso di stanchezza e nausea.
GRAZIE INFINITE!
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
gli esami esibiti NON indicano la presenza di un tumore. La richiesta dell'ecografia punta a stabilire quali sono le condizioni strutturali del fegato e verificare l'ipotesi di una epatite cronica.
La possibilità di intraprendere la terapia combinata con interferone dovrà esser valutata in relazione all'insieme delle analisi di laboratorio.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2007
Salve Dott.
mi mamma ha ritirato l'esito delle biopsia che e' questo:

frammenti di fegato con fibrosi settale associata ad iniziale alterazione dell'architettura.I setti e gli spazi portali riconoscibili sono sede di flogosi linfomonocitaria di alto grado, con aspetti nodulari ed associata ad epatite di interfaccia.
Il parenchima acinare mostra focolai miltipli di citolisi, steatori macrovascicolare (<5%) e lieve flogosi linfomonocitaria intrasinusoidale.
E' presente minima siderosi mista (+---).
CONCLUSIONE:
Epatite cronica con attivita' di grado moderato e con alterazione dell'architettura.

Secondo lei' come e' la situazione e cosa consiglierebbe?
GRAZIE!
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
alla luce anche delle informazioni esposte nella precedente richiesta, se le condizioni cliniche della paziente - valutate dal medico che la segue - lo consentono, è indicata la terapia combinata interferone + ribavirina.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2007
si le ' stato consigliato anche da chi le ha fatto la biopsia in particolare la cura con pegifn e ribavirina.
[#5] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2007
Salve dottore, mia mamma sta' procedendo alla cura contro l'epatite c tipo 2, e' arrivata alla 7ma settimana (in corso). A parte i disturbi vari che ha tra cui senso di svenimento e pressione bassa, ha fatto dopo la 5 settimana l'HCV-RNA quantitativo, tra qualche giorno avro' l'esito.
Volevo chiederle, che serve alla 5 settimana vedere l'RNA? Non e' troppo presto?...io so' che va' valutato dopo 3 mesi di cura.
Gia' alla quinta settimana si puo' avere una indicazione su un eventuale prognostico positivo o negativo?
GRAZIE!
[#6] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2007
ho ritirato gli esami e l'HCV RNA Quantitativo e' 179, a 5 settimane dall'inizio della terapia.
Prosegue bene secondo lei?
[#7] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
penso che la risposta terapeutica sia più che soddisfacente ed incoraggia a proseguire secondo protocollo.
Cordiali saluti.