Utente 495XXX
Come già segnalato nella mia precedente richiesta di consulto, in data 23 ottobre 2007, mi è stata diagnosticata una sieroconversione recente alla toxoplasmosi. Precedenti esami in data 6 agosto 2007 avevano invece dato esito negativo.
In vista di una nuova futura gravidanza, quanto devo attendere per scongiurare il rischio di una nuova possibile trasmissione al feto?
L'infettivologo che mi aveva seguito ritiene che occorra comunque attendere almeno sei mesi, indipendentemente dai risultati della sierologia. A suo parere, pertanto, non è consigliabile tentare un nuovo concepimento prima della fine di aprile 2008.
Il ginecologo, invece, ritiene che sia sufficiente anche un periodo di tempo più limitato e mi ha invitato ad eseguire già da subito nuove analisi.
Secondo voi è davvero necessario aspettare sei mesi indipendentemente dai risultati delle analisi?
Ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

sono d'accordo con il suo infettivologo; è opportuno fare passare un tempo sufficiente per sicurezza. Comunque il dosaggio di Ig G , IgM già le può dare informazioni sulla pregressa o più recente infezione.


Un saluto

A. Baraldi
[#2] dopo  
Utente 495XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per il parere.
Oggi ho eseguito il dosaggio IgG e IgM, più il test di avidity.
Riporterò i risultati non appena disponibili.