Utente 220XXX
Salve ,ho 25 anni e sto avendo delle difficoltà a mantenere una soddisfacente erezione con la mia ragazza(è la mia prima esperienza),noto che l'erezione non è forte e va via appena termina la stimolazione. Dopo una visita da un andrologo la settimana scorsa ecco la diagnosi: Prostata modicamente aumentata di volume,liscia,regolare,globosa,tesoelastica in modo omogeneo ben delimitabile. L'esplorazione profonda evoca un forte dolore,riduce le dimensioni dell'organo e da esito all'emissione di liquido ghiandolare abbondante e di aspetto regolare. Mi ha prescritto Levoxacin e delle supposte(Orudis) per una settimana. Continuo ad avere problemi di erezioni e questo mi creao uno stato di stress non indifferente... Noto che il pene anche quando è a riposo mantiene una certa rigidità..da cosa può dipendere? A che esami dovrò sottopormi? Grazie e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la diagnosi andrologica non si restringe ad una valutazione del quadro prostatico...Da questa postazione telematica e' problematico rispondere senza poter vedere.Segua i consigli dello specialista di riferimento che ha avuto il privilegio di visitarLa.Cordialita'
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

se il colllega ha riscontrato una lieve prostatite, credo lo abbia pensato da tutti i dati che lei ha riportato.

a volte le terapie antibiotiche possono richiedere giorni per raggiugere l'effetto.
tuttavia lei riporta che ha "rigidità" anche a riposo.

per completezza, le consiglio di tornare dallo specialista per aggiornarlo circa la mancata guarigione ma anche per capire se effettuare altri accertamenti.
deve però tranquillizzarsi.

cordialità
[#3] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Vi ringrazio per le celeri risposte....Per quanto riguarda i sintomi a parte la disfunzione, noto solo una sensazione di calore(nn parlerei di bruciore) al pene. L'analisi dell'urina ha riscontratato rare emazie per il resto tutto nella norma! Il fatto che a volte è rigido a riposo può dipendere dalla lieve prostatite?. Queste disfunzioni in genere guariscono? e con che tempi?. Grazie!
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

la guarigione dipende sempre, come in ogno malattia, dalla causa di partenza.

riconosciuta la causa si passa alla terapia, con lo specialista.

cordialità
[#5] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Salve Dottore,quindi lei escude che questa lieve prostatite sia causa della disfunzione?...Mi chiedo come mai lo specialista da cui sono in cura non ha fatti altri accertamenti ma si sia limitato all'esplorazione rettale...mah. Cordiali saluti!
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

ho parlato di prostatite solo in base a quello che lei ha descritto dalla visita con lo specialista e vista la terapia.
ma senza averla visitata, non posso fare alcuna diagnosi.
è per questo che è opportuno continuare il discorso con lo specialista che ha già visto.

cordialità
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...evidentemente non ha incontrato un andrologo dedicato e si è fermato al primo riscontro.Ne parli con il medico di famiglia.Cordialità.
[#8] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Vi ringrazio di cuore...spero che tutto si risolva per il meglio. Oggi chiamerò lo specialista(consigliatomi dal medico di famiglia) per fissare un secondo appuntamento!
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.