Utente 231XXX
Salve sono qui a seguito dei risultati di esami del sangue e delle urine di mia madre; è una donna di 62 anni di 80 kg per 164 cm di altezza. Dal 2001 le è stato riscontrato un ipertiroidismo che sta cercando di curare con il Tapazole (1/2 pillola al giorno); a maggio del 2011 le è stato riscontrato un Papilloma K vescicale curato con un'operazione a giugno del 2011, ma una volta al mese effettua lavaggi vescicali con Mitomicina; soffre da anni ormai di pressione alta che cura con Blopress da 32 mg 1 volta al giorno e da un mese Sotalex 80 mg 1/4 di pillola al mattino e 1/4 alla sera. Sempre da maggio del 2011 ha notato nelle analisi del sangue un'elevato valore di Creatinina - S, il quale era più del doppio dei valori normali, inoltre anche l'Azotemia aveva valori alti e si è pensato fosse la causa di un'insufficienza renale. Il 16 novembre 2011 ha effettuato nuovamente le analisi del sangue e delle urine e le sono stati riscontrati questi valori al di sopra della norma: anticorpi anti dna nativo 0.0-20.0 = 270.0, proteine -u 50-150 = 375, azotemia (urea) 10-50 = 110, gamma glutamil transpeptidasi - s 10-40 = 120. Vorrei gentilmente sapere se questi valori sono da considerare effetto della insufficienza renale, dell'ipertiroidismo, della pressione alta o problemi di altra natura. Ringrazio per l'attenzione e attendo una risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Aldo Ortensia
24% attività
0% attualità
4% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
L'aumento di azotemia e creatinina depongono per un quadro di insufficienza renale cronica indipendente dall'ipertiroidismo ma che potrebbe essere correlabile alla sindrome ipertensiva. Indubbiamente sua madre dovrebbe sottoporsi ad altri accertamenti come la determinazione della clearance della creatinina, della proteinuria delle 24 ore, dei livelli di PTH oltre ad eseguire un emocromo con cellule ipocromiche. Utile l'esecuzione di ecotomografia addome superiore ed ecocolordoppler delle arterie renali.
Il consiglio più corretto è però quello di rivolgersi ad un Ambulatorio Nefrologico che saprà gestire al meglio l'iter diagnostico e la terapia conservativa, sia farmacologica, sia dietetica.
Cordialmente.