Utente 231XXX
Gent.mo Dottore
sono un ragazzo di 27 anni, sono molto ansioso premetto, da parecchio tempo avverto Tachicardia sia dopo i pasti, sotto sforzo, anche a riposo a volte. Questo disturbo ha scaturito in me molta paura, limitandomi nelle attività specie quelle dove richiede lo sforzo fisico.
Di recente mi sono sottoposto a degli esami cardiologici: elettrocardiogramma ed ecocardiogramma; esami della tiroide, ed analisi del sangue. Esito negativo, mi hanno riscontrato una tachicardia sinusale. Da un pò di tempo accuso tachicardia anche dopo i pasti. Ho consultato un internista per dei problemi allo stomaco, causa tachicardia-gonfiore, e mi ha ordinato del levopraid con effetti innocui per la tachicardia; inoltre negli ultimi tempi la pressione arteriosa è alta 90-140. 90/150. Mi sento sempre in agitazione, con sudore freddo. La tachicardia mi preoccupa molto perchè credo di avere qualcosa. E' necessario che faccia altri esami? I cardiologi mi ordinarono dei beta-bloccanti che io non ho preso. Adesso avverto anche dei sensi di nausea nel tardo pomeriggio. Cosa mi consiglia dottore? Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I beta bloccanti che le erano stati prescritti da una parte le farebbero cessare la tachicardia e dall altra le controllerebbero la pressione in modo ottimale, anche perché lei pare molto ansioso.
Stia ovviamente lontano da caffeina e derivati ed ovviamente dal fumo, altrimenti è del tutto inutile
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
La Sua sintomatologia orienta fortemente verso la diagnosi di disturbo d'ansia, soprattutto alla luce degli accertamenti già eseguiti. Le consiglio pertanto una consulenza psicologica.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 231XXX

Iscritto dal 2011
Gent.mi Dottori
grazie per le vostre risposte.
Tuttavia credete sia necessario seguire ulteriori analisi, vedi elettrocardio sotto sforzo oppure Holter cardiaco visto che la tachicardia sotto sofrzo aumenta e mi preoccupa tantissimo? Posso tranquillizzarmi dall'esito dell'ecocardio oppure devo sottopormi ad altri esami specialistici? La tachicardia sotto sforzo, è preoccupante?
E' davvero fastidiosa dopo i pasti. Il medico generico mi ha consigliato del biancospino, posso associarlo al levopraid che a breve lo sospenderò visto che la tachicardia è sempre presente? Oppure della valeriana, desiro iniziare a prender dei farmaci. E' preferibile che mi rechi nuovamente dal cardiologo per prescriver dei farmaci? Ultima visita risale 1 anno fa.

Grazie della disponibilità
Cordialmente
Bruno
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi biancospino e valeriana fanno certamente meglio al suo farmacista che a lei.
Mi pare che il trattamento Dell ansia sia molto indicato e che i beta bloccanti le daranno una grossa mano
Arrivederci
Cecchini