Utente 488XXX
Salve,
ho 35 anni e sono alla 28° settimana di gravidanza.Io ho un prolasso della valvola mitralica e un piccolo difetto interatriale : diversi anni fà con evidenza di shunt ma negli ultimi anni non si è più ripetuto. Soffro fin da piccola di sincopi vasovagali. All'inizio erano leggere, nel senso che avevo un recupero veloce, ma da diversi anni il recupero era lento tanto da dover andare in pronto soccorso. Ho effettuato per tale motivo un Tilt test tre anni fà. Questi i risultati:Tilt test condotto secondo protocollo italiano.Dopo potenziamento con nitroderivati comparsa di episodio sincopale con asistolia di 9,5 sec seguita da singolo complesso idioventricolare di scappamento e pausa secondaria di ulteriori 8,5 sec, trattato mediante posizionamento in trendelemburg, atropina ed espansione volemica con pronto recupero. Inutile dire che mi hanno trattenuta per circa 3 ore con flebo di fisiologica più Plasil, in quanto non stavo bene. Durante la gravidanza, non ho avuto vomito e non ho avuto episodi, ma 3-4 presincopi in seguito a conati, che comunque avevo. Sono stata ricoverata per minaccia di parto pretermine e anche qui una pre-sincope in seguito alla somministrazione di vasosuprina, che hanno subito interrotto e quindi sono riuscita a non svenire. La mia domanda riguarda il parto. Visto che le mie sincopi non mi permettono una pronta ripresa (mi gira la testa e ho attacchi di vomito per diverse ore dopo la sincope) potrei aver problemi durante il parto? Anche se faccio l'epidurale, un dolore forte potrebbe scatenarmi una sincope? In questo caso cosa mi consiglia di fare?Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
purtroppo nessuno ha la sfera di cristallo per prevedere quel che potrebbe succederle durante il parto, tuttavia l'anestesista debitamente informato della sua storia ha tutti i mezzi necessari per un pronto intervento.
Stia serena ed in bocca al lupo!!!!!
[#2] dopo  
Utente 488XXX

Iscritto dal 2007
Si Dottore, è ovvio che la mia era una domanda retorica...Visto però che "tutto può succedere" mi chiedo se è possibile "prevenire".Per esempio può essere indicato un parto cesario?Non che lo voglia fare, è ovvio. Ma penso che sia meglio saperlo prima che fare un parto d'urgenza perchè sono svenuta nel momento della spinta e il bambino doveva uscire subito...Non è facile essere sereni quando si è in gravidanza...anche se si è persone in genere "molto ragionevoli"...
[#3] dopo  
Utente 488XXX

Iscritto dal 2007
Scrivo di nuovo in quanto sono riuscita a parlare con il Professore che mi aveva effettuato il tilt test.Mi ha detto che la mia domanda non solo non è banale ma è lecita.Dato il mio caso, vista la prolungata asistolia, mi ha detto che assolutamente devo effettuare il taglio cesareo con anestesia generale, e non spinale. Ne discuterà con l'anestesista in modo da riportare tutto in cartella clinica al momento del ricovero.Ho scritto in modo che altre persone, nella mia stessa situazione, possano parlare con il cardiologo e l'anestesista per la scelta del parto. A questo punto mi dispiace che Lei abbia risposto alla mia domanda con tanta superficialità...
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile signora,
essendo professionisti seri, non abbiamo ritenuto indicare on line procedure anestesiologiche o addiritture chirurgiche, senza aver una benchè minima documentazione del caso e senza aver avuto l'opportunità di visitarla. Viceversa, ritengo che, saremmo stati enormemente superficiali se le avessimo dato una qualsiasi risposta specifica ed orientata.
Senza rancore, le auguro un grosso in bocca al lupo!