Utente 230XXX
Ciao, ho 16 anni, e ho contratto due settimane fa la parotite.Mi è stato consigliato di stare al letto per una settimana e così ho fatto.Avvertivo dei piccoli dolori al testicolo destro, durante i primi giorni di parotite, dolori molto lievi che accusavo ogni tanto, avendo paura dell'orchite ho parlato con il mio medico di fiducia il quale mi ha controllato e ha detto che la situazione era tutto ok e che i sintomi erano dolori forti e gonfiore molto visibile .Adesso la parotite è passata, ma io noto dei fastidi ogni tanto e che il mio testicolo destro è un pò piu gonfio e al tatto piu duro del sinistro.Il destro come normalmente dovrebbe essere(credo) si trova piu in alto rispetto al sinistro.Onestamente non sono sicuro che i miei testicoli presentavano gia questa differenza da prima, ma sono abbastanza preoccupato, volevo sapere la vostra opinione.I sintomi da me indicati possono corrispondere a orchite?oppure varicocele?grazie per le vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

pur essendo vero che la parotite può essere più comunemente è bilaterale, ovvio che in medicina nulla va come da manuale.
ciò premesso, fa bene a preoccuparsi vista la asimmetria e il dolore locale dei testicoli.
tali sospetti o sintomi doveno guidare hchiunque dall'andrologo.

così le auspico di fare: dallo specialista valuterà con semplice visita i suoi dubbi e soprattutto il varicocele che comunemente interessa il testicolo sx.

cordialità
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

ora è importante sentire in diretta un esperto andrologo; in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la reale causa del suo problema clinico e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e soprattutto terapeutico.

Se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Qui potrà trovare anche tutte le raccomandazioni su come fare correttamente l'autopalpazione di un testicolo.

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
caro lettore,


una dolenzia testicolare, un aumento di volume dei testicoli in concomitanza con una parotite deve assolutamente portare il giovane o meno giovane paziente dal medico o, meglio, dallo specialista per una valutazione clinica e per impostare i controlli seminali ed ecografici relativi allo stato di fertilità che potrebbe essere compromessa da una "orchite postparotiotica"
Caro saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Risenta ora il suo medico di fiducia e poi a ruota bisogna sentire sempre in diretta anche un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Utente 230XXX

Iscritto dal 2011
grazie a tutti, spero di potermi visitare il piu presto possibile.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, qua siamo.
[#7] dopo  
Utente 230XXX

Iscritto dal 2011
ciao, sono riuscito a parlare con il mio medico di fiducia il quale mi ha detto che non ho nulla e che assolutamente non ho i sintomi dell'orchite, non avverto piu dolori.Cosa mi consigliate di fare?
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le consigliamo ora di seguire attentamente le indicazioni del suo medico che è l'unico che ha potuto valutare in diretta la sua reale situazione clinica.