Utente 129XXX
Egr. dott.ri,
Innanzitutto mi scuso se non ho postato nella sezione sbagliata.
vi scrivo per chiedervi un consiglio su un dolore che mi preoccupa e visto che fino a lunedì prossimo non ci sarà il mio medico di base. Allora da lunedì sera, poche ore dopo aver fatto una colonscopia, mentre mi riposavo perché ancora debole da due giorni di digiuno e per gli effetti dell'anestesia, ho avvertito un dolore al costato sx. La colonscopia l'avevo prenotata 6 mesi fa per indagare su delle perdite di sangue durante la defecazione ed ha avuto esito negativo dimostrando la loro origine emorroidale. Il dolore è localizzato 4 dita sopra l'ultima costola e al centro delle costole. Non è un dolore continuo, mi fa male se respiro profondamente alzando il costato, se tossisco (ho ancora qualche rimasuglio del raffreddore della scorsa settimana) e se mi piego e contorco. Se premo sulle costole non mi sembra di avvertire dolore. Secondo voi dai sintomi che ho descritto che tipo di dolori sono, forse un dolore intercostale? Può essere qualcosa dovuto alla colonscopia?
grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
non è materia di mia competenza, ma intuendo la Sua ansia, non la lascio senza risposte.
Non credo che il disturbo riferito abbia un nesso con l'esame cui si è sottoposta.
In ogni caso,come per qualsiasi patologia, a distanza non è possibile prospettare alcuna ipotesi diagnostica.
La decrizione che Lei ne fa, farebbe sospettare una "incrinazione" di una costa, ma se la pressione con le dita non evoca il dolore,si dovrebbe escludere un traumatismo.
Anche un dolore nevralgico intercostale sembrerebbe escludersi perchè esso in genere è un po' irradiato e non localizzato.
Comunque direi che non sia il caso di eccessiva preoccupazione. Assuma un antidolorifico (di quelli che normalmente avrà usato) e attenda tranquilla la visita presso il Suo Curante.

Cordialmente