Utente 298XXX
Cari dottori, ho bisogno di un aiuto per sapermi orientare.
Recentemente ho beneficiato di una visita gratuita con panoramica dentale digitale (che però non mi è stata rilasciata) da uno studio dentistico appena aperto nella mia zona. L’odontoiatra, scattandomi anche delle foto al momento e riproducendomele su un monitor adiacente alla poltrona, mi fa fatto vedere che i miei denti 16 e 15, che avevano una vecchia otturazione, sono cariati (occorre otturazione complessa x entrambi) in quanto ci sono delle infiltrazioni nelle otturazioni. Io non ho sintomi ma quello studio altamente tecnologico mi aveva bene impressionata. Tuttavia ho voluto sentire un ulteriore parere, quello del mio “vecchio” odontoiatra. A lui non ho riferito della mia precedente visita, ho solo accennato falsamente di avere dei dolori indirizzandolo verso i denti 15 e 16. Il dottore mi ha visitato meno tecnologicamente, senza panoramica, foto e monitor, utilizzando solo un uncino con il quale batteva sui denti e mi ha riferito che non era sicuro ci fosse una carie al 16 sebbene l’otturazione fosse un po’ infiltrata, non ha accennato nulla sul 15, ma mi ha trovato delle carie al 26 e 36. Non voglio criticare nessuno, ma io non so che fare, fino ad ora ero stata abbastanza fortunata. Le uniche mie esperienze erano state un paio di otturazioni da quest’ultimo odontoiatra, quindi io non sono in grado di capire chi ha ragione e se ho dei denti cariati e quali sono. Non vorrei però trascurare delle possibili carie nell’indecisione di dove andare. A questo punto mi chiedo visto che il giudizio nel primo studio era stato fatto anche sulla base di una panoramica, loro hanno più elementi per individuare i denti cariati, quindi mi affido a loro? O altrimenti come potrei fare per capire quali denti sono da curare? Ho bisogno da voi di un aiuto in questo senso. Ringrazio in anticipo che mi potrà rispondere.
[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
le panoramiche raramente evidenziano le carie e quando le evidenziano sono macroscopicamente ampie e quindi riconoscibili ad occhio nudo
le carie si evidenziano ad occhio nudo o con lenti ingranditori e con rx endoorali ma non con panoramiche nè con foto
la tecnologie ci aiuta ma non quella da lei citata per la diagnosi
la percussione non aiuta per la diagnosi di carie
direi che nessuno dei due colleghi mi convince:
il primo con una tecnologia anche inutile vuole conquistare il secondo con metodi anche obsoleti vorrebbe fare diagnosi, senza approfondire le valutazioni o lo studio dove aveva dubbi; forse un terzo parere potrebbe esserle d'aiuto
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Sandro Compagni
24% attività
0% attualità
12% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
L'Ortopanoramica non è l'esame diagnostico d'elezione per valutare le carie, si esegue per valutare tantissime altre situazioni, se si hanno dei dubbi su una carie che non si vede clinicamente ( cioè con lo specchietto e l'uncino e anche battendo sul dente se necessario ) quindi se a tutto ciò ancora non si è certi allora si fa la radiografia 'endorale' per scongiurare una problematica nascosta.
La telecamera endorale, anch'essa è utile, ma per far vedere al paziente la sua situazione.
Saluti
[#3] dopo  
Utente 298XXX

Iscritto dal 2007
ringrazio dottori per le vostre celeri risposte. Io ero quasi convinta che una panoramica fosse il metodo di elezione per una diagnosi corretta. Scusatemi se vi interpello ancora, ma io non ho molta esperienza come paziente della vostra materia in quanto mi sono stati fino ad ora curati un paio di denti con otturazioni semplici, quindi devo affidarmi al mio vecchio odontoiatra che mi ha visitato con l'uncino o sentire un terzo parere, chiedendo ad amici l'indirizzo del loro dentista? A questo eventuale terzo dentista è quindi meglio che io racconti che sono lì per dirimere due diverse diagnosi? Inoltre pongo anche un'altra ultriore domanda. Il mio cardiologo, essendo io portatrice di un prolasso mitralico con lieve rigurgito, mi consiglia di effettuare la profilassi x l'endocardite, sebbene non strettamente necessaria secondo le ultime linee guida, ma non si sa mai. Al primo studio mi è stato detto che per le otturazioni la devo fare, nel secondo studio (il vecchio dentista) asserisce che per le otturazioni non va fatta la profilassi, ma solo per ablazioni estrazioni o altri tipi di interventi. Cosa è più giusto fare? Mi scuso, ma le cure odontoiatriche mi mettono un po' d'ansia, vorrei curarmi ma curare i denti che hanno bisongo e non vorrei bombardami di antibiotico se non strettamante necessario. ringrazio ancora
[#4] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
al terzo dentista non necessariamente deve dire delle precedenti visite
segua il consiglio del cardiologo, tutte le prestazioni che possono provocare sanguinamento gengivale richiedono la profilassi ed in conservativa l'uso degli uncini per la diga lo può provocare
cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Domenico Laquintana
24% attività
0% attualità
12% socialità
TROIA (FG)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Credo che la paziente, con la quale mi complimento per la competenza non comune e la proprietà di linguaggio, si riferisse alle ULTIME linee guida che hanno un po' ridimensionato la necessità di fare profilassi antibiotica nelle valvulopatie cardiache.
Ad un recente congresso plurispecialistico cui ho partecipato era parere del relatore cardiologo che non fosse più necessario fare la profilassi (anche se, per motivi medico legali, ci consigliava di farla ancora "tanto male non fa").
In attesa di pareri unanimi forse è ancora prudente farla.

Quanto alla tecnologia ed al fascino che esercita sui pazienti, volevo dire alla nostra gentile interlocutrice che, pur essendo un patito di tecnologia sul lavoro e nella vita e pur facendo largo uso della radiologia digitale, della telecamera endorale e di quanto altro abbiamo a disposizione, non è quello che deve far scegliere un dentista: l'esperienza clinica nelle nude mani di un dentista esperto valgono molto di più di foto ingrandite su un monitor.

Ho avuto l'impressione nel leggere la descrizione della signora (mi corregga se sbaglio) che la panoramica le sia stata fatta prima della visita e senza averne una reale necessità: questo atteggiamento, molto diffuso in alcune catene di studi pubblicizzate in televisione.....non è corretta. L'esposizione di un paziente a radiazioni ionizzanti deve essere sempre motivata da un dubbio emerso nell'esame obbiettivo.

Un ultimo consiglio: non riferisca "falsamente" di avere dolore per "indirizzare" il suo dentista verso i denti che voleva lei. Si fidi del suo medico, se continua a consultarlo, e non lo porti fuori strada.
[#6] dopo  
Utente 298XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio tutti i gentili medici che mi hanno risposto, mi siete tutti molto di aiuto.
Volevo confermare che intendevo proprio dire che secondo le ultime linee guida, il cardiologo mi ha detto che nel mio caso, la profilassi non è più necessaria, tuttavia per pochi interventi odontoiatrici effettuati l’anno è meglio che vada sul sicuro e che assuma pertanto gli antibiotici. Sebbene 4 potenziali denti da curare non siano pochi a mio avviso (odio i farmaci). Confermo inoltre quanto ipotizzato dal gentile dottor Laquintana. La prima cosa che mi è stata fatta, nel nuovo studio, è stata proprio la panoramica digitale. Mi è stato detto però che le radiazioni erano davvero molto basse. E’ seguita poi la visita. Ho capito che l’esperienza e una visita più tradizionale forse contano tanto quanto se non di più di tanta tecnologia, ma tanta discrepanza nelle due diagnosi mi lascia un po’ perplessa. Temo un terzo parere, perché se fosse anch’esso molto discorde come i primi due mi metterebbe ulteriormente in crisi e comunque mi dovrei rivolgere alla cieca a chicchessia, Confesso, in questo momento non so proprio cosa fare…
[#7] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
un terzo parere è consigliabile se non è al momento tranquilla
cordiali saluti
[#8] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Si faccia consegnare la panoramica su CD.

Il fatto che il dentista abbia usato come specchietto per le allodole per "buttare dentro" pazienti nello studio la visita e panoramica gratuita non lo esonera dal seguire le direttive ministeriali volte a minimizzare l'esposizione alle radiazioni ionizzanti.

Il secondo dentista è caduto in una palese contraddizione (sempre se le parole riferite sono corrette):
"non era sicuro ci fosse una carie al 16 sebbene l’otturazione fosse un po’ infiltrata"

Infiltrata = carie.

Consulti un terzo dentista.

Qualche consiglio?

http://www.medicitalia.it/sergioformentelli/news/546/Scegliere-un-buon-dentista-criteri-empirici-di-valutazione

Ma ce n'è un altro che mi sento di darle: c'è un ottimo dentista a Milano.
Aggiornato, competente, umano.
Uno che da sempre le informazioni corrette, come si è potuto notare anche in questa discussione.


[#9] dopo  
Utente 298XXX

Iscritto dal 2007
Gentili dottori vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno risposto perché tutti mi siete stati utili. Ringrazio per il link fornitomi dal dr. Formentelli, perché mi ha offerto dei consigli utili e che non sarei riuscita a trovare senza la sua indicazione, inoltre circa la risposta del dr. Formentelli avrei bisogno di una delucidazione e chiedo se è possibile inviare una mail in privato. Come ultima cosa il dr. Formentelli mi consiglia di farmi consegnare la mia panoramica digitale che mi era stata fatta nel primo studio. Io avevo già richiesto in quell’occasione di girarmi per mail la panoramica, ma mi era stato detto che ciò era possibile solo qualora fossi diventata una loro paziente. Mi chiedo ho qualche diritto ad avere la mia panoramica digitale, che alla fin della fiera interessa solo a me, anche se non mi avvalerò del servizio di quello studio?
Inoltre volevo informarvi che ho eseguito un’altra visita da un terzo dentista che ho scelto a caso, trattasi di uno studio che si trovava sul mio tragitto quotidiano.
Al dottore ho solo riferito di aver avuto due precedenti diagnosi diverse e che quindi volevo un terzo parere per dirimere le contraddizioni.
Quest’ultimo medico mi ha indicato gli stessi 3 denti individuati dal secondo dentista, ossia il 16, il 36 e il 46 (nel mio primo post avevo scritto erroneamente 26 ma in realtà il dente di cui si parlava era il 46). Questo dentista però ritiene che ci sia una piccola carie solo sul dente 36 da ricontrollare tra 3 mesi, perché per adesso non vale la pena intervenire, si distruggerebbe una parte di dente sano troppo grossa per una piccola carie. Per gli altri due denti ritiene che le macchie scure siano le otturazioni che hanno con il tempo cambiato colore. Credo di aver capito, su questo non è stato chiarissimo, che nonostante le otturazioni siano vecchie, non siano ancora da sostituire.
Credo che mi affiderò al parere di quest’ultimo medico, mi è sembrato il più professionale...
Mi chiedo solo se sia problematico distinguere un’otturazione variata nel colore da una carie e ogni quanto una vecchia otturazione vada sostituita?
Ringrazio chiunque voglia ancora dedicarmi tempo ed esprimere un suo parere professionale. Cordiali saluti e buon anno a tutti.
[#10] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Nessun problema.

Per la panoramica, telefoni ai carabinieri dallo studio se non gliela consegnano seduta stante.
Urli, se necessario.
E' un suo diritto entrarne in possesso.

Può essere problematico capire se un'otturazione è infiltrata.
Le otturazioni vanno sostituite quando sono infiltrate.
[#11] dopo  
Dr. Sandro Compagni
24% attività
0% attualità
12% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
La panoramica è un suo esame diagnostico ed una copia è un suo diritto averla, cosa diversa è se deve pagarla. Cosa diversa è chiederle il pagamento dell'esame fatto.
Saluti