Utente 232XXX
Salve sono nuovo del sito e ringrazio tutti per il servizio che mettete a disposizioni di noi utenti volevo chiedre una cosa.Ho effettuato esame liquido seminale e sono in attesa della visita andrologica,l'esame ha riscontrato :Concentrazione 59 mln,conta totale119 mln,volume 2 ml,motilità progressiva 24% e forme tipiche 3% e 6 milioni di leucociti,conclusioni:astenozoospermia di grado medio ,teratozoospermia e flogosi,ho anche effettuato esami del sangue FSH valore 1.90, prolattina 17 ng/ml e testosterone 5.50 ng/ml.In attesa di andare dall'andrologo volevo sapere sono collegati questi valori bassi di fsh e alti di prolattina con la scarsa qualità del mio sperma?e se si da cosa puo dipendere ...grazie(sono stato operato di varicocele circa 10 anni fa e ogni paio d'anni effettuo visita di controllo e esame liquido seminale)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

lasci perdere i dosaggi ormonali che non sembrano avere alcun collegamento con la dispermia da lei indicata mentre il dato più importante e significativo è la presenza di leucociti in numero elevato che può indicarci una infiammazione delle vie seminali e a cascata la dispermia rilevata.

Senta ora il suo andrologo e poi ci aggiorni.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Appena ritornato da visita andrologica:l'andrologo ha detto che non mi devo preoccupare per il numero elevato di leucociti poichè fino a che non provo ad avere un figlio non vale la pena intervenire poichè dice che anche con uno spermiogramma come il mio è possibile avere un bambino.Non metto in dubbio le parole dell'andrologo poichè è uno specialista però ho paura che tra circa 3 mesi(poichè sposo)e proverò ad avere un figlio piche la mia compagna lo vorrebbe subito non ci riuscirò e passera altro tempo per questo volevo sapere se è giusto non intervenire, quindi approfondire questa flogosi e se dovrei farlo quali esami effettuare(ho fatto urinocoltura,ricerca clamidia e spermiocoltura)tutte negative..grazie
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

l'esame che ci ha proposto non sembra seguire le direttive WHO (organismo mondiale sanità) e pertanto privo di attendibilità: Ripeta l'esame in un centro dedicato a problematiche riproduttive così si potrà confrontare anche con il dato leucociti.

Cordialità
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

si documenti sui parametri che sono stati usati nella valutazione del suo liquido seminale che, visto anche il suo sintetico invio, possono forse suscitare qualche dubbio.

Detto questo poi il sospetto di un eventualmente problema infiammatorio delle vie seminali deve essere ben valutato ora e non tra qualche mese.

Ci riaggiorni, se lo desidera.

Ancora cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un esame del liquido semianale dovrebbe essere effttuato bene. L'aderire a criteri WHO può spesso essere scritto nei moduli delle risposte ed essese disatteso e viceversa.
Spesso vale la pena di ripetere l'esame per vedere se i parametri alterati siano confermatio o smentiti.
la presenza di leucociti non è sempre espressione di fatti infettivi e non dovrebbe necessariamente, a mio parere, essere motivo di terapie se il maschio non sta cercando di avere , in quel momento, una gravidanza
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un esame del liquido semianale dovrebbe essere effttuato bene. L'aderire a criteri WHO può spesso essere scritto nei moduli delle risposte ed essese disatteso e viceversa.
Spesso vale la pena di ripetere l'esame per vedere se i parametri alterati siano confermatio o smentiti.
la presenza di leucociti non è sempre espressione di fatti infettivi e non dovrebbe necessariamente, a mio parere, essere motivo di terapie se il maschio non sta cercando di avere , in quel momento, una gravidanza
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la presenza di leucociti non richiede immediatamente una terapia ma un approfondimento diagnostico sì.

Nel frattempo, se desidera poi avere ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna una eventuale problema ad avere un esame del liquido seminale normale e quindi figli, può leggersi anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html .

Un cordiale saluto.