Utente 232XXX
Salve a tutti,

mi complimento per il sito e Vi ringrazio anticipatamente per la cordiale disponibilità.
Sono un ragazzo di venti anni, alto 1.80 m e peso 68 kg, non ho avuto particolari problemi di salute, l'unica cosa che forse ( scusate l'ignoranza se è una cavolata ) è necessario ricordare è che un anno fa ho avuto un ascesso perianale che in un futuro sarà da operare sicuramente. Vi scrivo per poter avere un consulto sulla mia situazione relativa ad un problema di disfunzione erettile, divenuto in questi ultimi mesi cronico.
Ho iniziato ad avere rapporti sessuali all'età di 17 anni e ,sebbene mi fosse capitato le prime volte di perdere l'erezione prima di penetrare la partner ho acquisito sicurezza e non mi si è più presentato il problema, se non sporadicamente.
A agosto la relazione di due anni con la mia ex-ragazza ( unica con la quale avevo avuto un rapporto completo) è terminato ed ora sto uscendo con un altra ragazza per la quale provo una forte attrazione fisica e mentale.
Con questa ragazza mi è capitato diverse volte di non riuscire ad avere un erezione soddisfacente al che ho deciso di rivolgermi ad uno specialista. Il dottore mi ha prescritto esami del sangue per verificare dosaggi ormonali. Tali valori al 6/10 sono risultati:
TESTOSTERONE 9.58
LH 3.20
FS 8.70 ( sofferenza testicolare dovuta a varicocele bilaterale diagnosticato durante
la visita per il quale subirò un intervento chirurgico tra poco)
PROLATTINA 31.3
ESTRIADOLO 37.1
Non essendo stato identificato un deficit ormonale il dottore mi ha prescritto Viagra affinchè acquisissi sicurezza e disinvoltura.
Il problema si è però presentato anche assumendo 3/4 di una pillola da 50 mg, diminuendo così un possibile effeto placebo.
Ho per tale motivo deciso di effettuare un EcoColorDoppler dinamico al pene. Tale esame ha rivelato caratteristiche di normalità.
Il fattore che mi porta a pensare che il mio problema non sia solo un problema psicologico è il fatto che sono totalmente assenti erezioni mattutine ed erezioni spontanee durante il giorno.
Fatico a raggiungere l'erezione anche con uso del viagra ( sebbene questo mi aiuti ) e questa tende a indebolirsi piuttosto in fretta specie in mancanza di stimolazione. Tale fatica la riscontro anche durante la masturbazione. Dopo la prima eiaculazione il problema diventa ancor più accentuato. Inoltre sto vivendo un quest'ultimo periodo un forte calo del desiderio. Temo che ci sia una relazione tra l'aspetto fisiologico e psicologico del problema. ( cane che si morde la coda )
A questo punto Vi chiedo quale secondo voi può essre la natura del problema e possibili soluzioni.
Di nuovo grazie mille!!
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente in realtà il fatto che non raggiunga erezioni valide anche con l'assunzione del viagra in assenza di altri disturbi pone ancora di più l'ago della bilancia sul problema psicologico, in quanto tali farmaci non provocano un erezione automatica ma solo in presenza di una componente emotiva, a questo punto pertanto potrebbe essere utile sottoporsi ad un consulto psicosessuologico
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la diagnosi è quella fatta dal collega che l'ha valutata e lei l'ha confermata scoprendo facilmente "una relazione tra l'aspetto fisiologico e psicologico del problema. ( cane che si morde la coda)".

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

non sembra essere presente una causa organica ma anzi un problema di natura psicologica. Se con il viagra non ha acquistato "sicurezza e disinvoltura" la cosa migliore è avvicinarsi ad un sessologo che attraverso sedute mirate sicuramente sarà in grado di aiutarla.

Un cordiale saluto
[#4] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la grande disponibilità. Il mio timore era quello di avere ulteriori possibili problemi fisiologici, di varia natura, che potessero causare mancate erezioni mattutine e spontanee durante il giorno. Sicuramente un consulto di tipo psicologico mi sarà di aiuto in quanto ora la situazione sta peggiorando da quel punto di vista e mi sta sempre più sorgendo questo immotivato timore di essere affetto da chissà quale patologia.
Vi ringrazio di nuovo per l'aiuto.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatta la valutazione mirata e meglio se guidata dal suo andrologo poi ci aggiorni, se lo desidera.
[#6] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Con piacere!
Non posso fare altro che ringraziarvi per i vostri preziosi consigli!
A presto!
[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In bocca al lupo
[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

io propenderei per una diversa "chiave di lettura" del suo problema.
E' chiaro che problemi "emozionali, psicologici" potrebbero essere in grado di "disturbare" la sua erezione ma , ugualmente, problemi vascolari, legati alla circolazione venosa ( lei ha un varicocele che è espressione di una insufficienza venosa) non potrebbero essere esclusi.
Il fenomeno erettile è legato ad un buon afflusso arterioso determinato da eccitazione erotica o stimolazione manuale ed a un concomitante "blocco" del sistema venoso che porta ad una situazione di rigidità (che si mantiene anche con stimoli inferiori) tale da permettere una penetrazione e completamento dell'atto sessuale.
il Viagra accentua la dilatazione arteriosa migliorando la erezione.
Io continuerei a farmi seguire da un andrologo
Cari saluti
[#9] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Gent.mo dott Pozza,

anch'io avevo il forte timore di un problema vascolare che credevo fosse identificato tramite EcoColorDoppler dinamico al pene. Scusi l'ignoranza in merito ma un problema di questo tipo come si può diagnosticare? E quale sarebbe una possibile terapia?

Cordiali saluti
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ora non vada in confusione; "un EcoColorDoppler dinamico al pene che ha rivelato caratteristiche di normalità" esclude qualsiasi problema di "fuga venosa" che molti andrologi tra l'altro discutono ancora oggi se sia o no una realtà clinica reale.

Quindi non faccia altre valutazioni clinicamente inutili, segua l'indicazione terapeutica ricevuta dal suo andrologo e, se le è possibile, senta anche un bravo psicologo.

Ancora cordiali saluti.
[#11] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Gent.mo dr.Beretta,

la ringrazio per la chiarificazione! necessaria data la mia ignoranza in merito e visto lo stress derivante dal timore di avere un qualche problema fisico!
Di nuovo grazie!

Cordiali saluti.
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Di nulla; con altre novità comunque ci aggiorni, se lo ritiene utile.
[#13] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Con piacere! Mi è stato davvero utile poter confrontarmi con pareri esperti!

Cordiali saluti