Utente 233XXX
Gentili dottori
Lo scorso luglio sono stato sottoposto ad una cardioversione per il ripristino del battito cardiaco perchè ad un controllo mi è stata rilevata una fibrillazione atriale. Il battito è tornato normale ma il dottore mi ha prescritto Almarytm 100 due compresse al giorno . Gli esami diagnostici non hanno rilevato altre anomalie cardiache , il cuore è sano. Anche con un holter non sono state rilevate anomalie. Però nonostante le compresse mi capita di avere durante alcune notti ( due o tre volte in una settimana) episodi di Fibrillazione che, dopo che ne ho preso coscienza, mi alzo, e nel giro di mezz'ora, o al massimo un'ora passa tutto da sola, altre volte prendo una mezza compressa di Almarytm e il ritmo ( misurandolo dal polso) torna regolare. Durante il giorno sto bene, e non ho fenomeni di Fibrillazione, o meglio è molto raro. La Fibrill. è quasi asintomatica, ne ho conferma con la misurazione del polso che ormai ho imparato ad ascoltare. Vorrei gentilmente sapere a cosa sono riconducibili questi fenomeni notturni. Anche perchè svegliarsi e alzarsi la notte e aspettare che tutto passa significa interrompere il sonno ed è un pò come rovinarsi la giornata successiva. Mi sembra come se fossero connessi alla posizione supina che si assume durante la notte.
Per completare il quadro clinico Vi informo che ho una gastrite duodenale cronica, con una piccola ernia iatale. Gli esami del sangue hanno rilevato anche la presenza di Helicobacter pylori. Prendo anche Xatral per la prostata ( ho 57 anni).

Grazie per la cortese risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
È fondamentale che lei assuma anticoagulanti orali ( warfarin - Coumadin) dal momento che da quanto lei dice nonostante la terapia con felci idee lei presenta ancora episodi di fibrillazione atriale.
La eV entra le terapia con aspirina non la proteggerebbe assolutamente da tromboembolico.
Detto questo è verosimile che altri farmaci potrebbero esserle tuoi, dal propaggine, al sotalolo, all amiodarone ed anche il dronedarone ma la cosa che è fondamentale è che lei sia protetto da una buona anticoagulazione orale con warfarin o acenocumarolo.
Ne parli con il suo cardiologo
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org