Utente 511XXX
Buongiorno, ho 28 anni e 5 anni fa ho fatto il primo doppler che ha evidenziato una varice incontinente all'altezza del polpaccio destro.
da allora porto collant contenitivi e al di là di un disagio estetico non ho mai avuto grandi disturbi.
l'anno scorso ho notato la comparsa di una "chiazza" scura tipo ematoma rossastro (all'inizio pensavo di aver urtato inavvertitamente qualcosa) un pò più in alto della caviglia destra, e qualche mese dopo ho effettuato un nuovo doppler con esito molto simile al precedente, la situazione non sembra peggiorata e la dottoressa non ha nemmeno notato la mia macchia.
col passare dei mesi però si fa sempre più evidente e rossastra, è calda al tatto e somiglia, per quanto ne so, a un gruppo di piccoli capillari molto molto evidenti e raggruppati.
volevo sapere se è il caso di allarmarmi perchè potrebbe trattarsi di un peggioramento della mia safena "malata" e se è il caso di tornare a fare un doppler (l'ultimo di cui parlavo prima è datato marzo 07).
da qualche mese tra l'altro assumo la pillola anticoncezionale (dopo aver effettuato tutti gli esami del sangue)...questo potrebbe essere una concausa?(preciso che la macchia rossa è comparsa prima che cominciassi a prendere la pillola).
grazie infinite
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Al di là dell'ecocolordoppler, con i limiti di un giudizio a distanza, ritengo sia opportuno che si sottoponga ad una valutazione specialistica per attivare un protocollo terapeutico che nel suo caso potrebbe prevedere una fase chirurgica (non ho ben compreso lo stato della Safena e di quale tronco safenico si tratti) e un successivo trattamento scleroterapico.
L'uso della pillola anticoncezionale, nella mia esperienza, va valutato da caso a caso: è molto ben tollerato in alcune pazienti, mentre in altre effettivamente determina un peggioramento delle affezioni venose.
[#2] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dottore,
la ringrazio per la tempestiva risposta.
Le riporto l'esito del mio ecodoppler:
a dx breve e fugace reflusso all'osteosafeno femorale durante manovra di valsalva.la vena gande safena è pervia, lievemente ectasica, senza significativi segni di reflusso liungo il suo decorso.
al terzo superiore della gamba, sul versante mediale si nota una perforante pervia ed una vena collaterale superficiale ectasica, tributaria della vena safena.
no segno di reflusso all'osteo safeno popliteo.

Secondo lei è necessario l'intervento chirurgico?
e la mia brutta "macchia" sulla caviglia?
grazie ancora se avrà la pazienza di rispondermi.
saluti
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Sempre con i limiti di un giudizio a distanza, sulla base del reperto strumentale, mi sembra che vi sia indicazione al trattamento chirurgico. Il tipo e l'estensione dell'intervento sono ovviamente da valutare anche sulla base dei dati clinici (visita). La "macchia" sulla caviglia, se costituita come sembra da capillari ectasici, potrebbe avvalersi della terapia sclerosante.