Utente 862XXX
Salve , mio padre di anni 65 sottoposto 2 anni fa a coronografia per applicazione stent medicato ad arteria dx , durante la coronografia è emerso che nella stessa arteria , un pò più in basso è presente un'altra stenosi al 40%. Oggi , a distanza di quasi due anni il cardiologo gli ha consigliato di effettuare una scintigrafia per monitorare la situazione di quella stenosi.
Leggevo in internet che vi è anche l'ecocolordoppler delle coronarie , che mio padre ha già effettuato , ma per la carotide, non è invasivo e non c'è mezzo di contrasto, potremmo sostituirlo alla scintigrafia per evitare il mezzo di contrasto? Si riesce a vedere l'ostruzione se è progredita o è rimasta la stessa?

Ringrazio anticipatamente per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi l unico modo per valutare una stenosi coronarica è la coronarografia. La stessa scintigrafia ci da notizie indirette del quadro coronarico.
Se suo padre ha avuto una progressione di malattia coronarica, pur essendo ancora giovane, è ovviamente importante che sia sottoposto a terapia piena e che stia lontano dal fumo.
Ma questo ovviamente le sara già stato detto dal suo cardiologo
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 862XXX

Iscritto dal 2005
La ringrazio sentitamente per i sue sollecite risposte .

Auguri di buon anno